Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-33 sh 108 30 i-veterani Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

Fest’ e Festicciolle

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i  RetunneTrenino

 

Sang’ ’i retunne – Giggi’, mi servirebbe un tuo consiglio.
Giggino – Pure ’a reggina tenett’ bisogn’ d’a vicina.

Sr – Aeee! Mò è addeventate pure filosofo.
Gg – Te fai sott’a me sule quand’ tiene abbisogno della mia sapienteria superiora. Chest’è!

Sr – Sient’a mme ! Tu cu’ diecimila euro fusse capace ’i organizza’ ’nu spettacolo ccà?
Gg – Io cu’ tanta sorde l’organizzasse pure a cas’e’diavule.

Sr – Ma no, ma no, occorre organizzarlo per questo inverno non per questo inferno.
Gg – Allora andrebbe bene a’ piazza d’a Ferrovia!

Sr – E addò sta questa piazza? Non l’ho mai sentita.
Gg – ’U ’uilloco, ’u f’rastiere ’i Casoria. Nun’o’ssaie che Giancòss’ da ‘st’estate si chiamm’ accussì? Piazza della Ferrovia..! ’a là parte ’u trenino… Tuu tuu!

Sr –’I ccose strevese ’i ssaie tutte tu! …Comunque, perché a Giancos? D’inverno chi vuoi che ci vada?
Gg – Uggiesù! Ma pecché ’sta staggione chi ce steve? Quatt’ iatte morte addurmute ’ngopp’ i seggie che ’n’hanne capit’ ’u riest’i niente ’i chelli strunzate che facevano ’ngopp’ ’u palco.

Sr – E che, tu mò vuo’ fa’ ’a stessa cosa? D’inverno sarà ancora peggio: fa fridde e non ci stanno nemmeno ‘i ghiatte morte.
Gg – See see… ’nt’u scurda’ che ie so’ furbo. P’u fridde, appecciamm’ i cupertune d’a Pro Dopo: sai che calore cu’ tutte chella robba accattata che finalmente se po’ utilizza’?

Sr – E vabbuò! Ma cosa proporrai come attrazione? Famm’a ccapi’.
Gg – ’Ngopp’ u palco ce mettimm’ chillillà d’a cricca ’i sott’ ’u telorgio, ca so’ veramente ’nu spass’. Sai quanti cazzate ca spàrene? E po’ abbasta ch’i guard’ ’nfaccia e già è ’nu spettacolo. Qualcuno piangerà pure, pecché chella è ’na comicità traggica, ate che fìscion, ma ’u succiess’ è assicurato. E soprattutto è tutto agratisse pecché chisti grandi attori cantastorie se vonne fa pubblicità ch’i chiacchiere.

Sr – A sì? E come fai a convincere i nostri paesani a venire a questo incredibile spettacolo?
Gg – Azz! Ma è facile! Gli offriamo cinquanta euro appedòne, ’nu cuppetiell’i retunne arrestute e ’na butteglia ’i rum svizzero.  ’A gente currarrà e farrà pur’ a mazzate pe’ sta llà.

Sr – Ma che cosa è chesta? Tu paghi il pubblico invece che gli attori? E quanta gente conti di portare così?
Gg – Ciente persone assicurate, chiù i curiùse, i cani e i ciuccie viecchie… te faccio Piazza d’a Ferrovia chiena chiena.

Sr – E i sord’ c’avànzene?
Gg – Ma so’ dumand’a fa’? Spartimm’a tre!

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.