Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0036-036 isi-01 v4-13a m2-11 ss13-1 68b

Dies irae dies illa

Condividi questo articolo

proposto da Francesco De Luca e Nino Picicco
Hans Memling. il Giudizio universale (1466–1473). Part

 

Nella tradizione orale isolana erano presenti anche preghiere religiose. Questa che offro riguarda i defunti. Più che una preghiera è una esortazione. Rivolta perciò agli astanti affinché siano attenti agli insegnamenti divini altrimenti… si incorre nell’ira di Dio nel giorno del giudizio.

E’ un Dies irae. Qualcuno non lo troverà identico a quello recitato dalla nonna, qualcuno ritroverà il suo in parte. Il fatto è che chi lo recita si affida alla memoria la quale faceva, e fa, scherzi.

Questo mi è stato detto da Giuseppina Mazzella ved. Vitiello.

Da Wikipedia traggo queste notizie: “Il dies irae è una sequenza in lingua latina, molto famosa. Descrive il giorno del Giudizio universale, l’ultima tromba che raccoglie le anime davanti al trono di Dio, dove i buoni saranno salvati e i cattivi condannati al fuoco eterno”.

La tradizione religiosa popolare è stata attratta da questa sequenza sia perché in rima baciata sia perché evoca scenari terrificanti di morti, castighi eterni, di collera di Dio.

Tutto questo ha sollecitato l’animo popolare ad esorcizzare quel momento terribile, a rabbonirlo. Come? Creando i diessilla in dialetto, come una sorta di filastrocca sedativa. In essa tutto si mescola: il dialetto col latino, l’ira di Dio Giudice con la pietà elemosinata dal penitente, la preghiera con la giustificazione, il sacro e il profano. Ma soprattutto auspicando l’intermediazione di questa figura che non è angelo e non è uomo: è la diessilla !

Interessante trovo la personalizzazione del “diessilla”, quasi un intermediario per sostenere le ragioni del fedele presso il divino Giudice. Così come appare chiara la natura esorcizzante della cantilena. Contro la morte, contro l’ira di Dio, contro l’angelo che chiama al Giudizio meglio mostrarsi conciliante, implorante.

Ecco cosa dice il Dies irae:

Dies   irae, dies illa
Solvet saeclum in favilla
Teste David cum Sibilla
Giorno dell’ira, quel giorno
che dissolverà il mondo terreno in cenere
come annunciato da Davide e dalla Sibilla.

Quantus tremor est futurus,
Quando judex est venturus,
Cuncta stricte discussurus.
Quanto terrore verrà
quando il giudice giungerà
a giudicare severamente ogni cosa.

Tuba, mirum spargens sonum
per sepulcra regionum
coget omnes ante thronum.
La tromba diffondendo un suono mirabile
tra i sepolcri del mondo
spingerà tutti davanti al trono.

Nino Picicco e io abbiamo tentato una musicalizzazione della filastrocca paesana.

 

Ascolta qui, dal file .mp3

.

.

Diessilla

Diessira diessilla
lacrimosa cu’ favilla
Ogne muorto arape ’a tomba
Ogne muorto arape ’a tomba

Diessira diessilla
lacrimosa cu’ favilla
d’ogni mio grande errore
sarrà giusta cuntatora.

A giudecare ll’opere noste
venarrà la prima tromba.

Ogne muorto arape ’a tomba
Ogne muorto arape ’a tomba.

’U giudizzio cala a nuie;
’nu giudizzio mmuortelaturo
scetarrà la criatura.

Vola a Ddio chi è servitore,
avant’a Ddio nun c’è raggione.

Tu ca scave tutt’i fosse
la mia colpa ce l’aviste,
pecché troppo danno aviste,

Diessira diessilla
lacrimosa cu’ favilla
Ogne muorto arape ’a tomba
Ogne muorto arape ’a tomba.

Io te prego nun so’ degno,
Domeneddio nun fa regno
cu’ ’nu buono ca ’nse ’mpegna.
Sarrà meglio int’a ’n’ata vita.
Chiamma a me, o benedetta,
mitte ’u bollo a’ pena mia
leva ’a cuollo ’sta malatia.
leva ’a cuollo ’sta malatia

Cunsidera ca è stato
cundannato cu’ tanto affanno
chillu iuorno ca è nato
lu buon Gesù,
Gesù pietoso.

Io te prego nun so’ degno,
Domeneddio nun fa regno
Io te prego nun so’ degno,
Domeneddio nun fa regno

Diessira diessilla
lacrimosa cu’ favilla
Ogne muorto arape ’a tomba
Ogne muorto arape ’a tomba

Diessilla lacrimosa,
’nu bacio eternamente
cu’ l’annema ’i chi te sente (…’i chi te pare a te)

ammen
ammen
ammen
ammen

 

Immagine di copertina: Hans Memling. il Giudizio universale (1466 – 1473). Particolare dal trittico attualmente al Museo Nazionale di Gdánsk, in Polonia

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.