Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_13-47-13 h-33 v5-4a 20 68 90

La Crociera

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  Retunne
Nave da crociera

 

Sang’ ’i  Retunne – Giggi’ addo vaie cu ’stu casciettone?

Giggino – Questo è un trotlei, nun è ’nu casciettone!
SR – See… mò ’nu trolley. Chesta è ’na cascia ’i biancheria antica cu doie rote ’a sotte che secondo me, t’è futtuto ’a sotto a cocc’ bidone d’a ’mmunnezza.

GG – Ma t’i vuo’ fa’ ’nu poc’ i fatt’ tuoi, sì o no? Mò m’adda fa passa’ ’nu uaie. E staie semp’ a guarda’ a mme? Fosse state ’na bella femmena!
SR – Giggi’, è che tu ne combini une appriesso a ’n’ate bisogna controllarti. Acca basta ’na pazzaria ’i uno, ca passamm’ i ’uai tuttu quante.

GG – Ah! Così io farei le pazzarie? Va be va! Meno male che fra un po’ parto… alla faccia tua e degli scienziati amici tuoi che qua ne sono proprio tanti!
SR – A sì, parti? Ecco percché ’u casciettone! E dove vai?

GG – Vado in crociata, me vang’ a svaga’ luntane ’a chistu scoglie abbandunate, chine ’i matt’ ’gnurant’ pegg’i te.
SR – E che ci devi mettere in una cassa così grande? E addò è i’, in America?

GG – Ci hanno detto un solo bagaglio? …E ie me so’ organizzato.
SR – Ma che giro fa ’sta crociera? Costa molto?

GG – ’U ggiro nunn’o saccie, ma l’importante è che non costa niente. Ccà s’add’acchiappà tutte chell’ ca te danno. Ogni lasciata è perza!
SR – Gratis? Mah! …E con qual nave andate?

GG – ’A nave è grossa: si chiamme “Tosta Discordia”.
SR – Mamma mia, ma la “Costa Concordia” non è affondata?

GG – Tiè tiè… ciucciuvè! Questa è “Discordia” non ‘Concordia’, dicono che è proprio adatta per i ponzesi: chesta è meglio.
SR – A sì? E chi è il comandante? …un altro Schettino?

GG – See se… ma qua’ Schettino: è Burraschino!
SR – E chi site? Io non ne ho saputo niente! Ma è mai possibile che cca se sanno sule ’i cose malamente e quando ci sta ’na cosa bbona nisciune ’o ssape?

GG – Nisciune ’o ssape? …Ma si se so’ prenotati tutti quanti! …ccà restarrann’ sule i cani e i ciuccie cumm’e tte.
SR – Azz! E quando partite?

GG – A maggio.
SR – A maggio? E quando ritornate?

GG – A settembre.
SR – Giggì, secondo me vi stanno deportando per non avervi tra i piedi d’estate.
GG – E dalle! Semp’a penza’ a mmale, semp’ a vede’ tirabbocchetti ’a tutt’i parti. E daii! Mò bbasta! …me so scucciato!
SR – Faranno una ’mbarcata e chissà addo’ ve vottene!

 

Dopo qualche tempo

 

GG – Tenive raggione tu! …ce steve ’a magagne sott’ ’a crociata.

SR – ‘U vvi? Po’ dice che so’ io a pensare a male. Cosa ti ha fatto ricredere?
GG – Chisti ccà penzene d’ave’ a che fa’ cu’ i beduini della steppa russa.

SR – A parte che i beduini stanno nel deserto africano, ma allora, che mi racconti?
GG – M’ero appreparato ogni cosa: Assuntina s’era fatta pure ’a messa in piega a chilli quatt’ pile che ce so rimaste ’ngape, avev’ accis’ tutt’i cunigli… Insomma era tutto pronto…

SR – E allora, cosa ti ha fatto cambiare idea? Hai capito che vi volevano evacuare tutti?
GG – Ma che me ne fott’ a mme d’i problemi ’lloro pe’ ghi’ ’i cuorp’: ho scoperto il vero trucco! Sulla nave nun se putev’ i’ a caccia. Ma fossen’ asciute pazze?

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.