Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-26 e-06 v7-19 20 94 peche-1973

Unità isolana

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Venerdì pesce

.

Sang’ ’i retunne – Giggì, veramente nun t’accanosc’ cchiù.
Giggino – E mìttet’i llente, po’ esse ca m’accanusce!

Sr – Non fare lo spiritoso, tu mi stai facendo preoccupare veramente.
Gg – Ma pecché ? Aggie forze cambiato l’allùcc’?

Sr – Lascia sta’ il look, non è quello: zuzzuso stive e zuzzuse si’ rimaste. Mi sconvolge il tuo cambiamento in merito all’attuale gestione amministrativa.
Gg – Sient’a mme, io aggie sempe avute ’na di-gestione regolare… ’i che te meravigli?

Sr – Ma come? Hai votato a modo tuo, hai sparlato per mesi e mò difendi questi qua come se fossero i tuoi eletti da sempre? Qualcosa non quadra. Ch’è fatte?
Gg – Ma quando mai, io non ho mai parlato male dei puffi! Sono le malelingue a dire che io ho detto che loro avevano sentito che io dicevo cose che non avevo detto ma sentito..! Inzomma ie nunn’aggie ditte niente e si l’è sentute, si’ ttu ca nunn’è capite! E’ chiaro? Stàppet’i rrecchie.

Sr – E mò accussì va a furnì. Si’ proprio nu cagna bannera! ’Nu fetente retunno fritto.
Gg – ’Uaglio’ cca nisciun’è fesso, è capìt’? L’amicie tuoie nun s’accordano e se continuano a ffa’ ’a ‘uerra ed io ci’aggia rimette? Ma famm’o piacere!

Sr – E che vuoi dire..? Che qua nessuno è in grado di concorrere alle prossime elezioni?
Gg – Sient’amme… cca si nun si mettono d’accordo i vari pisci fetienti d’u Puorto e d’a Corea zarrisa, i ciuccie s’appiccechene e i varréll’ se scassano. Io mica faccio l’eroe di professione, a mme che me ne fotte..!? Ie chiamm’a papà a chi me da ’a mmangia’.

Sr – Perché questi ti hanno dato a mangiare?
Gg – See see.. mangià..!  ’A ’nu cane, ’nu muorzo t’aspiette… Chiste nun so’ bbuone.

Sr – E allora non capisco, cosa speri?
Gg – Spero ca s’affogano tuttu quanti e che io mi salvo ancora …Intanto me votte c’u cchiù forte, po’ Dio ce pensa.

Sr – La solita storia. ’Uagliò l’epoca dei miracoli è finita, S. Silverio si è voltato di spalle… troppi peccati e tradimenti.
Gg –  ’U vvì? Ed io avessa fa’ ’u salvatore d’a patria? Ma sa’ quant’ me ne fotte!

Sr – Ma non è un atteggiamento corretto questo! Non è leale… Bisogna lottare con la comunità per l’interesse di tutti.
Gg – E ie m’avessa uni’ cu’ chella massima ’i cafune?

Sr – Ma come puoi pretendere che i politici si uniscano per te quando tu non sopporti nemmeno i tuoi vicini?
Gg – E che c’entra? I politici so’ tutti uguali, ma ie che tengo ’a spàrtere cu’ i miei paesani: loro so’ ’gnuranti e alfabbeti, io no.

Con la Franza o con la Spagna purché se magna

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.