Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

foto-0002 i-10 ipc 28-07-2005-0-18-15_0000 isi-01 p-05

Lu pisci spada. Storia d’amuri

Condividi questo articolo

proposto da Sandro Russo
pesce_spada

 

Certo che i reportage sulla vita marina di Adriano Madonna – sfrondati da nozioni tecniche (anch’esse necessarie, peraltro) – conditi qua e là di ricordi di vita vissuta sul mare e sotto di esso, hanno un potenziale evocativo formidabile. Ci fanno ricordare cose pensate e messe da parte, le pietre fondanti del nostro immaginario [in fondo, pensare il futuro senza dimenticare il passato, non è anche la mission del nostro sito?]

Così riaffiorano dal mare (che da sempre è stato metafora delle profondità della memoria) paure di mostri degli abissi (leggi qui) o una lettura antropomorfa di comportamenti di pesci – il pesce spada monogamo e ‘innamorato’ di quest’ultima storia, leggi qui – e altri miti delle creature del mare che ci trascinano direttamente, senza passare per il via, ad una vecchissima canzone di Domenico Modugno, ai suoi inizi …Chi la ricordava più?

Pesca al pesce spada

Lu pisci spada
Testo e musica di Domenico Modugno (1954)
Contenuta nel primo album del cantautore: “Domenico è sempre Domenico” (1958)

Il disco fu inciso all’epoca contemporaneamente in 78 e 45 giri. Il brano, “Lu pisce spada” (in altre re-incisioni Modugno lo ha intitolato ‘U pisci spada) invece si riallaccia ai brani di Modugno più direttamente legati alla tradizione popolare e dei cantastorie, che furono del resto la sua prima esperienza musicale, come lui stesso ebbe a dichiarare:
“Una notte, quando avevo tre anni, fui svegliato da un suono bellissimo, che solo in seguito decifrai come il canto di un carrettiere: fu la mia prima esperienza musicale, quella per me fu la “musica” per molto tempo. Per questo ho iniziato a cantare, con quelle canzoni: il cantastorie stava dentro di me, non era una scelta precisa!”.

La storia narrata è nota: è la tragica storia d’amore di una coppia di pesci spada. La femmina è stata catturata ed esorta il compagno a salvarsi, ma il pesce si lascia catturare per morire con lei.
L’autore ha spesso riferito in interviste di essersi ispirato ad una storia vera, letta in un giornale; all’inizio dell’esecuzione Modugno ripete le tipiche accalorate incitazioni dei pescatori siculi…

 

Ascolta e guarda qui da YouTube un bel video con i panorami di quel mare e i gesti di quella pesca…

.

.

– Ah lu vitti, lu vitti! Ah, lu vitti ‘mmenzu lu mari, beddi mei…
Lu vitti, pigghiati la varca e curriti! Curriti ca l’haju vistu, beddi..
Beddi figghi dàtivi da fari! Ecculu ca veni! Ecculu ca veni!
Beddu, figghiu, vaj, daj, curri, pi sant’Antoniu! Curri ca l’avemu pigghiatu…
Daje, daje, lu vitti, lu vitti! Pigghia la fiocina! Accídilu, accídilu, aahaaà! –

 


Te pigghiaru la fimminedda,
drittu drittu ‘ntra lu cori
e chiancìa di duluri
ahi ahi ahi ahi ahi ahi…

E la varca la strascinava
e lu sangu ni currìa,
e lu masculu chiancìa
ahi ahi ahi ahi ahi ahi…

E lu masculu
parìa ‘mpazzutu,
cci dicìa:
– Bedda mia nun chianciiri,
bedda mia nun chianciri
dimmi tìa chi haju ‘a fari? –

Rispunnìa la fimminedda
cu ‘nu filu ‘i filu ‘i vuci:
– Scappa, scappa, amuri miu,
ca si no t’accidinu! –

– No, no, no,
no, amuri miu!
Si tu mori
vogghiu muriri
‘nzieme a tìa!
si tu mori
vogghiu muriri…–

Cu ‘nu sartu si truvau cu ìssa
‘ncucchiu, ‘ncucchiu,
cori a cori,
e accussì finíu l’amuri
di dui pisci sfurtunati…

« Daje, daje, lu vitti, lu vitti, lu vitti!
C’è puru lu masculu! Pigghia la fiocina! Accídilu, accídilu, aahhhà! »

Chista è ‘na storia
d’un piscispàda:..
storia d’amuri…

.

Riproposto in “Tutto è musica” del 1963. Autobiografia fra realismo e drammatizzazione della vita, da parte di uno dei più grandi cantautori della musica leggera italiana.

Messina. Pesca_del_pesce_spada-Faro

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.