Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-05 lam-04 11 3 14-1 Una delle tante vele storiche

Le due piazze

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Web generation

.

Giggino – Io vuless’a sape’ addo’ cazz’ sta. Addo’ sta?
Sang’ ’i  retunne – E mò che te vene? Che è ‘sta novità? Cu’ chi ci’allàie?

Gg – C’a ggente! Ma te pare ca d’i Fforne a Ponza nun’aggie truvato ‘nu cristiano?  Sule cinc’ cane e tre ghiatte! Ma che! …simme rimaste sule ie e tte ’ngopp’a ‘stu scoglio arracagnute?
Sr – Ma no, ma no… ’a ggente ce sta, nun te prioccupa’, ’a ggente ce sta…

Gg –  Tu si’ forte ! Addo’ sta ’sta ggente? Dai, e nun me fa’ ’ngazza’! Ccà second’ammé so’ partute tuttu quante.
Sr – La gente c’è! Solo che sta in casa: non esce. Sient’a’mmé!

Gg – A casa? Tutta ‘a iurnata a’ casa? Criature, femmene, e uommene, tutt’a’ casa! …e a ffa’ che? Stanne sule sule senza vede’ o senti’ nisciune? …E po’ dicene che s’ampazziscene. ’U vvi’ pecchè?
Sr – Caro Giggino… devi sapere che oramai per incontrare la gente non c’è più bisogno di uscire, oggi da casa si raggiunge tutto il mondo. Tu sei rimasto un po’ arretrato, e sarebbe ora che ti aggiornassi  …’u frate.

Gg – Quand te ce mitte, si’ cazz’i me fa ’ngazzà peggio ’i muglièreme. Comm’u ‘raggiungono’ ’u munne ’a dint’a casa? C’a fantasia?
Sr – ’Uagliò, mò c’è internet, il nuovo strumento per avere il mondo tra le mani senza alzarsi dalla sedia. Basta un computer ed il gioco è fatto. Sono queste le nuove piazze di incontro.

Gg – Aaah! Vuoi dicere ca tutt’a ggente ’i ccà, sta annanz’a chillu strumento d’a matina a’ sera? E comme funziona?
Sr – Ci sono vari modi, uno molto usato è quello che permette di chiacchierare per messaggi: si chiama Facebook.

Gg – Ha! …e pur’ie ’u pozze fa’? Ce vo’ ’a patente?
Sr – E certo che lo puoi fare pure tu! …e non ci vuole niente. Però conoscendoti, che t’appicceche cu’ tutti quanti, ti consiglio di non mettere il tuo vero nome. Mò ti dico io come devi fare…

(Qualche settimana dopo)

Sr – Mado’ Giggì! …e ch’è cumbinato? Tiene ‘a capa ‘nfasciate. Si’ cadute?
Gg – A colpa è ’a toia. Mi dai sempre consigli sbagliati.

Sr – Ma pecché …che t’è succiesso?
Gg – He! M’aggie mise ’ngopp’a fessebbucc’… c’u’ nomme finto ‘i “pesciolino 69”. ’Na meraviglia! M’aggie luvato ’nu sacc’ ’i soddisfazzione… Agge passat’ i meglie nuttate… Aggio sfuttuto a tuttu quante, pure a muglièreme ca nun sapeva….

Sr – Azz! …’u solito scassa’mbrella. E allora?
Gg – Però tu nun m’avive ditt’ ’i nun mètte ’a fotografia …E là è succiesso ’u casine!

Sr – Ma comme, tu metti ‘u nomme finto e ’a foto vera? Ma si’ scème?! …E allora?
Gg – Na sera, come al solito, me so’ mise a sfotte l’assessore, quando all’improvviso è spuntate ’a sott’a tavula uno… tutt’ pelàt’, ca’ll’uocchie ’i pazzo, cu’ ‘nu sigaro ‘mmocca.  Inzomma… M’ha scassato ’u computer, m’acciso ’i mazzate e m’ha ditte: – “Uee, cafone ponzese, hai finito de rompe’ ’e palle n’a’ piazza, e mò te sei messo a fallo su internet”? Tiè, tiè e poi tiè.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.