Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-11 l-03 belgiorno g-01 13 70a

“Un’altra vita”, siamo alla penultima

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
Vanessa

 

Il tempo scorre veloce: siamo già arrivati alla quinta e penultima puntata della fiction televisiva “Un’altra vita” che tiene incollati ponzesi e non allo schermo, alla ricerca degli scorci più belli e diversi della nostra isola. Ma ci sarà anche qualcuno che terrà d’occhio anche la storia, no?! che va sempre più assumendo i connotati del più scontato feuilleton.
Riassumiamo: Marghe è incinta, Giulia è gelosissima del ritorno della ragazza di Nino, Antonio chiede alla dottoressa se dorme con il marito, mentre dalle anticipazioni di questi giorni vediamo la scena madre di Anna, moglie di Antonio, che in chiesa (forse in occasione di una cerimonia pasquale?) dice davanti a tutti che non può augurare il bene alla dottoressa perché le ha rubato il marito. Serve altro?

Intanto gli spettatori già si aspettano un finale aperto: niente happy end né tragedia. Poiché sembra che la cosa funzioni prepariamoci a “Un’altra vita 2”, che però magari la bella Vanessa Incontrada potrebbe andarsi a cercare in un’altra isola, oppure in alta montagna: del resto tutta l’Italia è un’ininterrotta location e le Film Commission esistono in tutte le regioni. Quindi prepariamoci a restare in sospeso. “Int’u mèglie, fernésce” diceva mia nonna Fortunata davanti a certi film e sceneggiati: oggi non si corre più questo rischio, perché spesso tutto resta appunto aperto.
A proposito di location, la scorsa volta eravamo rimasti col dubbio di quale fosse il set dell’istituto scolastico (“G. Silvestri” per la cronaca).
Mi ha informato prontamente l’amico d’infanzia Franco Zecca, non si sa se più innamorato di Ponza o di cinema, il quale mi ha confermato Civitavecchia per il poliambulatorio e Santa Marinella /Santa Severa appunto per la scuola.

Set-Fiction.-Bar-Ripoli

La quarta puntata, oltre agli scorci straordinari della zona delle Forna e ai panorami unici di tutta l’isola, ci ha portato in piena piazza Pisacane, al bar Tripoli, naturalmente con insegna riveduta e corretta, con una lunga carrellata sul corso e i suoi caratteristici ‘vasoli’. Inoltre a tutti i ponzesi, in particolare ai produttori di vini, avrà fatto sicuramente piacere che a un certo punto sia stato menzionato il Biancolella, vino tipico di Ponza e qui prodotto con un seguito sempre crescente.

Prepariamoci dunque ad assistere a questa quinta e penultima puntata di “Un’altra vita”, martedì 7 ottobre.
Già mi viene nostalgia: un po’ come quando finisce Linea Blu, con tutto quel suo mare.

Fiction_un_altra_vita

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.