Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v4-12a q-67 ss26 corrida6 sl372213 Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

Ischianews & Eventi, ottobre/novembre 2014. Autunno o la lunga estate

Condividi questo articolo

segnalato in Redazione da Giuseppe Mazzella di Rurillo
Copertina IschiaNews-Ottobre 2014

 

Chi l’ha detto che l’autunno porta malinconia – come dice una famosa canzone napoletana degli anni ’50 – perché cadono le foglie dagli alberi, le giornate sono più corte, l’acqua del mare è più fredda, il sole sempre più tiepido?
Ad Ischia l’autunno è un’“estate protratta”.
Lo dimostrò scientificamente il prof. Cristofaro Mennella (1907-1976), matematico, fisico e soprattutto fra i precursori in Italia della climatologia e della meteorologia e certamente fra i più grandi scienziati a cui Ischia ha dato i natali.
Mennella fondò, con altri studiosi, nel 1944 il Centro Studi su l’isola d’Ischia a cui dedicò tutta la sua vita. Era direttore onorario dell’Osservatorio Geofisico sulla Gran Sentinella a Casamicciola e lottò, con scarso successo, affinché l’Osservatorio diventasse un Centro Pluridisciplinare di Climatologia.

Nel 1959 diede alle stampe un libro di 150 pagine con tabelle, comparazioni, analisi, osservazioni dedicato al clima dell’isola d’Ischia che gli era costato almeno vent’anni di studi e rigorose ricerche.
Lo chiamò “L’isola d’Ischia, gemma climatica d’ Italia” (Editrice EDART-Napoli). Dimostrò scientificamente  che l’isola d’Ischia per la sua posizione geografica e per la sua morfologia vantava un clima straordinariamente mite.
“La singolare pregevolezza  del clima fa di Ischia una entità veramente eccezionale e tale da rendere l’isola una autentica gemma nella fulgida corona delle stazioni climatiche, termali e turistiche italiane” scriveva e sosteneva che ad Ischia c’è una “felice concomitanza di tanti fattori fisici e ambientali” per un turismo esteso a tutto l’arco dell’ anno. Anzi soprattutto in autunno ed in inverno le cure termali – per le quali Ischia è famosa nel mondo e da secoli – sono più efficaci.

“Il termalismo può protrarsi a tutto novembre, senza ricorrere a speciali accorgimenti, laddove esso risulta difficile già nello stesso ottobre nelle stazioni del Nord” scriveva Mennella che dimostrava nel suo studio le sue affermazioni con i dati climatici e statistici delle altre località termali – come Bormio, Salsomaggiore, Montecatini, Chianciano ed altre – comparandoli con quelli dell’isola d’Ischia che ha tanti “ micro-clima” perché c’è il Monte Epomeo con i suoi 788 metri.

Ad ottobre, per esempio, la temperatura massima di Ischia – località di Sant’Angelo – è di 29,8 mentre ad Ischia Porto è di 28,7 mentre a Salsomaggiore la temperatura massima è di 22,4 e la minima addirittura meno 7,4 mentre le temperature minime di Ischia sono 10, 9 a Sant’Angelo e 9,8 ad Ischia Porto. Se a questa pregevolezza ambientale aggiungiamo il grande potenziamento delle strutture alberghiere con stupendi “Centri Benessere” con le piscine con la calda e miracolosa acqua termale veramente si può affermare con lo slogan già lanciato negli anni ’60 che “il sole trascorre l’inverno ad Ischia”.

Quest’anno per i mesi di ottobre e novembre per i “turisti d’autunno” e per gli isolani c’è anche il primo Festival nazionale di teatro amatoriale con un cartellone di spettacoli fino al 30 novembre mentre i Giardini de La Mortella, creati da Sir William e Lady Susana Walton, presentano la vita d’autunno di questo straordinario giardino esotico ed i parchi termali sono ancora aperti – fino alla fine d’ottobre – per  catturare gli ultimi raggi del sole dell’“estate protratta” per i felici frequentatori.

Ottobre e novembre sono anche i mesi della vendemmia e della maturazione dell’uva in attesa dell’undici di novembre per la festa di San Martino in cui “ogni mosto diventa vino” e si festeggia in decine di cantine ischitane.

IschiaNews-Locandina-Ottobre

Questo ed altro nel numero di ottobre/novembre del Magazine in italiano ed inglese  “Ischianews & Eventi” diretto da Enrico Deuringer con Giuseppe Mazzella condirettore e la direzione editoriale di Tommaso Massimo Pilato in distribuzione da sabato 4 ottobre 2014 in 400 punti dell’isola d’Ischia (edicole, alberghi e ristoranti convenzionati ed agenzie di servizi al turismo, luoghi di interesse e parchi termali per i quali viene indicata la chiusura stagionale dal Parco Castiglione che chiude domenica 19 ottobre 2014  ai Giardini Poseidon che chiudono venerdì 31 ottobre  ed ancora la Romantica (domenica 26 ottobre), il Negombo (domenica 12 ottobre), l’Aphrodite Apollon (sabato 18 ottobre), il Giardino Eden (domenica 5 ottobre), ‘O Vagnitiello (mercoledì 15 ottobre) per finire alla Fonte delle Ninfe Nitrodi che chiude sabato 15 novembre 2014.

Anche in questo numero le ricette del mese con i nostri ristoranti consigliati, i prodotti tipici, i centri di bellezza, i monumenti da vedere, e le notizie utili con le tariffe speciali del trasporto marittimo e naturalmente il nostro augurio di buone e serene vacanze con… Ischia in tasca.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.