Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

banchina-nuova-2 l-a p18-1-di-4 k2-29 galite-sud sl372208

La Soluzione Finale

Condividi questo articolo

di Sang’ ‘i retunne


Venerdì pesce
.

Sr – Giggi’ ho saputo che stai partecipando a delle riunioni di un comitato segreto. Ma che state combinando?
Gg – Ma ’uard’a chist’, se è segreto che vuo’ sape’?

Sr – Vabbuò, ma a me puoi dirle le cose, sono o non sono tuo amico?
Gg – See se… l’urdema vota che t’aggio cunfidato ’na cosa, aggi’avute ’nu mazziatone ’a mugliereme.

Sr – Ma l’hai avuto indipendentemente dal fatto che l’hai confidato a me: io non ho parlato. E tu lo sai.
Gg – Sì è vero, ma è ’u stess’: puorte scarogna… che è pure peggie!

Sr – Ma guard’a chist’!
Gg – Allora… Devi sapere che ci saranno cambiamenti ruoss’assai! Tutto sarà diverso, tutto sarà più migliore assai.

Sr – “Più migliore assai” non si dice.
Gg – E’ mai possibile che qua si può dire solo più peggiore assai?

Sr – Vabbè, lasciamm’a sta.
Gg – Meglio! Allora… siccome ca, cu’ tutt ’sti scemità che facimm’, damme fastidio, hanno pensato ’i fa’ ’na cosa bbona.

Sr – Ah! finalmente ’na cosa bbona? Ma a che proposito devono fare ’sta cosa e perché tutto questo segreto?
Gg – E… pecché, pecché… si’ proprie ’na crapa! …Pecché ’a cosa pe’ riusci’ adda rimane’ segreta… sinnò poi vonn’ partecipa’ tuttu quante!

Sr – Siente Giggi’, spiegati meglio, ca fino a mmò nun ci’aggie capite niente.
Gg – E chell’ ‘a colpa nun è ’a toia: è ’a capa ca nun t’u porta. ‘A ’gnurantità universitaria t’ha ’nzallanùt ’i cervell’.

Sr – E mò accussì va a furni’.
Gg – Siccome chiste hanna fatica’ pe’ salva’ l’isola, ci’avimma luva’ ’a dind’i piede. Damme ’mpicce. S’adda fa’ spazzio al “cambiamendo” ed allora…

Sr – …E allora?
Gg – Ci sistemano in un posto sicuro: ’nd’à miniera, addò nun damme fastidio e nisciuno ce dà fastidio a nnuie. Non ci saranno più problemi…

Sr – Ah! una specie di paradiso terrestre? Dove lo hai visto ’sto film?
Gg – E’a fa’ sempe ’u spiritoso tu? Faranno un campo con il reticolato intorno, in modo tale che nisciuno può entrare abbusivamende: all’ingresso i guardiani, dentro ci saranno gli alloggi, la mensa, le docce. Aho! Tutto aggratis, pur’i vestiti. Per evitare infiltrati porteremo disegnato ’nu retunno giallo sulla casacca.

Sr – Ma… per caso, ci saranno anche le torrette con le sentinelle, i riflettori mobili ed i cani di guardia?
Gg – ’U vvi? Già qualcuno ha parlato! Comme ’i ffaie a sape’ ’sti cose, se è un segreto?

Sr – Giggì, ho capito perché è segreto! …questo che vogliono fare è un campo di concentramento, tipo lager tedesco. Ma guarda tu!
Gg – Ma quale campo straniero, là ci andiamo solo noi residenti. E per favore non cominciamo con le solite lagne: ccà ’na vota tanto che vogliono fare qualche cosa per il paese, ecco che arrivano i prufessure a scumbina’ tutt’ cose.

Sr – Ti rendi conto che quello che vi hanno proposto non è una buona soluzione? Gli serve il terreno libero per fare posto ad altri.
Gg – Sient’ammé, buie mica simme fessi! Verucciell’ ha parlato chiaro con chi cummanne e questo ci ha assicurato: “Non vi preoccupate, risolveremo per sempre tutti i problemi dei ponzesi: sarà la soluzione finale!”.

Obbedisco

Sturmtruppen by Bonvi

 

 

Immagini di copertina e alla fine dell’articolo: vignette da “Sturmtruppen” di Bonvi

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.