- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Le donne salveranno Ponza?

di Alessandro Vitiello (Sandro)
Shore walker.2 [1]

 

Forse sì, forse no; sicuramente saranno più protagoniste che mai.

Da sempre le donne di Ponza si sono dimostrate forti e tenaci.
Vivere tutto l’anno sulla nostra isola presuppone una grande forza di volontà.
In passato – e in parte ancora oggi – vivere a Ponza, per le donne, significava condividere la propria esistenza con uomini che spesso passavano tanto tempo lontano da casa imbarcati sulle navi o a pescare lungo le coste del Mediterraneo.
Mentre i mariti erano in mare, le donne zappavano la terra, curavano le viti e allevavano i pochi animali di casa. Oltre a crescere i figli.
Spesso la famiglia era governata dalla figura della donna più anziana che conservava un ruolo di comando anche sulle vite dei figli sposati e delle loro famiglie.
Con il dopoguerra questa condizione è pressochè scomparsa ma non è venuto mai meno il ruolo delle mogli-madri che davano le giuste indicazioni a come la casa andava gestita.

Leandra [2]
C’erano però ruoli ben definiti dentro le nostre famiglie: l’uomo portava a casa i soldi, la donna li custodiva e, casomai, li faceva fruttare.
Da diversi anni questa parte la storia era cambiata. Il turismo aveva  modificato questa regola.
Tante donne hanno avuto la possibilità di lavorare spesso promuovendo in prima persona attività alberghiere e ristoranti di successo.
Oggi tutto si è complicato anche perchè una delle risorse principali dell’isola – la pesca – è diventata poca cosa.
Il turismo stesso è diventato meno remunerativo. Da qui l’impoverimento della nostra comunità.
Non è solo crisi economica: è anche crisi dei ruoli.
Nei maschi c’è spesso un senso di inutilità.
Polina [3]
Dentro questo triste cambiamento ho visto soprattutto le donne reagire.
“Se c’è poco, pigliamoci il poco” – mi è capitato di sentir dire.
Qualsiasi tipo di iniziativa, anche piccola, è diventata un’opportunità.
Dalla custodia invernale delle abitazioni dei turisti all’affittare le case, dalla pulizia di queste al lavoro nei ristoranti, le donne di Ponza non si tirano indietro.
Gli anziani sono diventati di nuovo una risorsa: la pensione di anzianità e casomai quella d’accompagnamento aiutano i bilanci familiari.
Tante piccole voci che contribuiscono a tenere insieme la nostra comunità.
Ci sono ovviamente le iniziative imprenditoriali importanti gestite da donne che continuano con successo a dare lavoro, ma i numeri di questa micro-economia di sussistenza sono davvero importanti.
Lucy Calisi [4]
Inoltre: la stagione del turismo è breve ma è un dato di fatto che i beni di quest’isola vanno custoditi e preparati per le stagioni a venire con un impegno che dura tutto l’inverno.
C’è inoltre un altro aspetto, altrettanto importante, della vita sull’isola che aiuta a tenere insieme le sue mille anime: l’impegno culturale e sociale.
Mi viene da pensare ai due gruppi teatrali che hanno punti di riferimento essenziali nelle donne, il coro della parrocchia di Le Forna che ha raggiunto livelli artistici molto alti e potrei fare tanti altri esempi.
Assunta [5]
Anche questo è molto importante perché da sempre le donne riescono a ricucire e dare speranza a situazioni anche disperate.
Non saranno i grandi proclami a cambiare la qualità della vita sulla nostra isola.
Sarà la quotidiana attenzione ai bisogni di tutti, saranno le risposte concrete alle mille domande sul futuro che tanti si pongono, che faranno la differenza.
.

In condivisione con: http://lacasadeisacco.blogspot.it/ [6]