Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0009-009 0046-046 c2-15 polina-02 a2-7 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

Le mie vendemmie

Condividi questo articolo

di Silverio Guarino

 

Isola di Ponza, fine anni ’60.

L’importante era essere giovani, con gambe poco pelose, piedi senza calli e avere tempo a disposizione per pigiare l’uva ’nd’i palemiént (grandi vasche che, nelle cantine, ospitavano l’uva da pigiare) al tempo della vendemmia.

Io e Carlo (Carletto) Sandolo, figlio dell’avvocato Luigi Sandolo e mio coetaneo, rappresentavamo una coppia valida su cui contare in caso di necessità per pigiare con i piedi nudi l’uva in tempo di vendemmia e preparare il mosto e il vino.

E così, dopo aver fatto un triplo “stage” da Elena Sandolo e da zia Santella Sandolo ’ncopp’ a chiesa a Le Forna e da Nannina Mazzella (cugina di mia madre e mamma di Federico-Lino Sandolo) alla Cavatella sempre a Le Forna, ci sentivamo pronti anche per i palemiént’ delle cantine di Ponza.
Dei miei parenti, a Ponza.

La vigna

 

L'uva. Part.

E così, ci avventurammo a vendemmiare sugli Scotti da zia Titina e zia Antonietta Curcio, dove addirittura ci cimentammo, forti dell’esperienza fornese,  nella preparazione dello “spumante” (fermentazione in bottiglia!) e nella elaborazione di vini rossi (o rosati)  utilizzando le bucce dell’uva nera, che venivano bollite per rilasciare il “colore” al mosto e al vino.
Il risultato fu dignitosamente buono e le zie si rallegrarono non poco delle prestazioni di quei due studentelli in vacanza.

Ma c’era un altro esame in agguato: la vendemmia da mio zio Aniello Conte, che aveva il “giardino” e la cantina proprio in via Pisacane, dietro la attuale pasticceria “napoletana”.

Non c’era molta uva, ma qui l’operazione era più articolata, in quanto bisognava dapprima raccogliere l’uva e poi pigiarla, una volta messa ’nd’u palemiént’.

U palemient

 

U palemient'.2

A tagliare i grappoli e a metterli nei cesti, si applicava anche mio cugino Placido Senes, marito di mia cugina maestra Giovanna Conte, che, con l’impeccabile “aplomb” che gli derivava dall’essere un Nobil Homme – N.H. di origine sarda, si accingeva all’opera.

Il suo contributo, forse proprio in virtù del casato di provenienza, venne presto meno per la rapida comparsa sulla mano destra (che usava per tagliare i grappoli) di una mostruosa “papula” che si trasformò in una altrettanto poco nobile “vescicola”. Cosa che indusse a più miti consigli il cugino sardo.
Anche Carletto ed io ci decorammo di gonfiori e vesciche, decisamente più plebee, che non ci impedirono però di completare l’opera.

L’uva fu raccolta ’nd’u palemiént’ e noi due provvedemmo a pigiarla.

Pigiatura a piedi

 

Spillare.2

 

Mosto

La piccola vendemmia del giardino di zio Aniello andò a buon fine, con gioia e soddisfazione di tutti. Di zio Aniello, in particolare, che, ritornato in patria dagli Stati Uniti dove era emigrato da giovane, desiderava tanto assaggiare un po’ di vino “home made”.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.