Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0020-020 a2-8 a4-r g-02 10 04

Chille d’u vierno

Condividi questo articolo

di Francesco (Franco) De Luca

la solitudine a Ponza foto di Antonio De Luca

.

Chille d’u vierno

.

Mo c’ a staggione

ha mise mmoto ogne cose,

i puteche so’ aperte,

i tavule d’ i bar s’ allargano p’ i vvie,

i bancarielle ind’ a ogne cantone

venneno gite, bagne, visite ai faragliune.

A ggente se ferma pe na chiacchiera,

se mangia u curnetto,

se beve u café.

E’ nu gira gira

ca nun reposa,

è nu vota vota

ca mo taglia e mo cose.

Si guarde bbuono

e saie cunsiderà

t’ accuorge ca

ce stanno facce

ca teneno stampate

n’ espressione rassignata.

Pare c’ a baldoria nun l’interessa,

ca d’ u votta votta

poco ce mporta.

Cammineno comme sfastediate

d’ a pazzaria

ca se cunzuma ind’ i vvie.

Chi so’ ?

So’ chille ca rimaneno pure u vierno.

So’ i persone ca sanno

c’ a staggione è corta

e u riesto dall’anno è pelle morta,

sanno

comme se presenta u paese

doppo ca u sole

s’ avasce a punente

e u mare

se scete sempe scuro nfronte.

il mare d'inverno

E’ ggente ca se canosceno tutte quante,

se salutano senza parlà,

cammineno e nse confonneno

cu chello ca gira attuorno.

L’ isola nun è nu posto ‘i piacere:

pe lloro

u sole s’aizza a matina

e cala a sera.

A vita è arrubbata:

aizzano parracine

e s’ aspetteno

ca ll’acqua ‘i cielo

‘i terrope dimane ammatina.

S’ allisceno a murata d’ u vuzzo

comme nu figlio

e po’

na punentata forte

‘a sfonne ind’ u parapiglia.

ponza d'inverno

Chille d’u vierno

so’ n’ ata razza.

N’ ‘i può capì

tu ca piglie u sole mpiazza.

Tu hai a che fa’ cu chille

ca pe sorde te tratteno

comme nu milordo.

LLoro nse venneno,

pecché nun se po’ venne

u sole

ca scarfa a febbraio

u spigulo ‘i ciardino e

e dà cunforto:

“ u vierno è passato

e pure sta vota m’ ha scansato “.

A ricchezza lloro

sta ind’ a vita:

“ nu poco m’ assetto

e nu poco fatico “.

Si u dulore è forte

stregneno i diente,

si u piacere è tanto

so’ cuntente.

LL’ hè vedé,

quanno è festa,

nfaccia a nu bicchiere ‘i vino

rireno comme criature

e se sentono ‘u sicuro.

Tutto u munno è tempesta,

è guerra,

ma ind’ i catene

i favecelle cresceno

e sfidano u tempurale:

“ a Pasqua l’assaggiammo

e u centrauallo fa u capurale”.

contadini tra le viti a Ponza

Chille d’ u vierno

guardele cu rispetto:

si u paese ancora

tene fiato mpietto

è merito lloro,

è merito lloro.

ponza verso l'inverno

Ascolta il componimento in file .mp3 dalla voce dell’Autore: 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.