Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0042-042 e-00 u-11 f-96 v5-4a Prateria di Posidonia oceanica

I fortini di Ponza

Condividi questo articolo

di Paolo Iannucelli

 

Ponza è ricca di beni culturali che sicuramente meritano una valorizzazione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Frontone. Casa degli archi e Fortino
In pochi conoscono il fortino di Cala Frontone, nei pressi dell’omonimo villaggio di contadini e pescatori. Attraverso un sentiero sterrato si giunge al fortino; vi era presente nel XVI secolo una torre di guardia costiera, in rovina già durante il periodo dei Borbone. Proprio loro fecero costruire il fortino per difendere l’imboccatura del porto di Ponza, insieme con il fuoco incrociato delle batterie Leopoldo e di forte Bentik della Ravia.

Frontone. Fortino Inglese

Fortino inglese.2

Fortino inglese di Frontone. La massiccia struttura

La massiccia struttura del fortino inglese

Il fortino inglese. I rapporti con la rada del Porto

Il fortino inglese di Frontone. Sono ben evidenti i rapporti ‘di copertura’ della rada del Porto

Immagine dal Mattei. Antica Batteria Leopoldo

Immagine dal Mattei (1885): antica Batteria Leopoldo posizionata nell’anfiteatro che guarda il mare, sotto l’attuale stradina che porta al Cimitero. Insieme alla postazione prospiciente de La Ravia, teneva sotto tiro l’ingresso del Porto

La Ravia e il Caciocavallo

La Ravia, entrando nel porto di Ponza, sulla destra: L’antico forte Bentik è del tutto inglobato nella costruzione più recente

A metà del secolo scorso il fortino divenne la base della squadra di sub comandata da Bruno Vailati che vi preparò la spedizione in mar Rosso nel 1952.
A Le Forna, altro bene molto interessante. Sopra un pianoro, dal piazzale dello stoccaggio della vecchia miniera SAMIP di bentonite, si arriva a Punta Papa con le rovine dell’omonimo fortino rinascimentale.
Il suo nome si deve a papa Alessandro Farnese. A nord si vede Zannone, a sud Cala Feola.

Forte Papa visto dalla chiesa di Le Forna

 

Forte Papa visto salla zona della Chiesa delle Forna

Le Forna. Cala dell'acqua e Forte Papa.1

Forte Papa. Visto da lo Schiavone

Forte Papa e Panorama

 

Forte Papa visto dalla zona dello Schiavone

All’epoca dell’insediamento dei coloni borbonici a le Forna, il forte venne restaurato per garantire la sicurezza della popolazione, ma una frana nel 1909 ha distrutto il lato sud.
Il bene culturale è di difficile accesso, con tanto di arrampicata e qualche possibilità di caduta sassi, nessun cartello illustra ai turisti le origini del sito, la stessa cosa avviene al Frontone, dove non è possibile conoscere qualcosa su una struttura tra le più interessanti della costa.
La cultura è diventato purtroppo un concetto solo personale, a Ponza come in Italia, così che spesso riesce a sopravvive solo grazie ad iniziative a carattere individuale o di gruppo.
Ma nonostante se ne parli poco e i fondi pubblici in questa direzione si riducano sempre di più, è necessario far capire che è grazie alla cultura si ottiene una migliore qualità della propria esistenza. E’ necessario gestire accuratamente strutture e luoghi abbandonati,  demaniali e comunali, come il semaforo, i fortini, la torretta, zone delle miniera Samip e quant’altro al fine di poterli restaurare e utilizzare per scopi culturali (manifestazioni, mostre e iniziative varie) con fondi derivanti da progetti o da donazioni.

È sicuramente questo un programma ambizioso ma stimolante per tutti gli amanti di Ponza.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.