- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Ponza in tavola

di Sang’ ’i  retunne

Ponza in tavola. Venerdi pesce. Red [1]

 

Ponza in tavola

 

Giggino – Tu l’è saputo ch’hanno fatto ’na festa a Ciancoss’ ?
Sang’ ’i  retunne – ’Na festa? Non mi pare.

Gg – Comm’ no? Tipo ’nu festine senza sposi.
Sr – Ah sì..! la degustazione dei prodotti tipici ponzesi?

Gg – Ecco bbrave. M’aggie fatt’ ’na magnata. Me so’ fatt’ nuov’ nuove.
Sr – E te pareva ! E i soldi chi te li ha dati? Assuntina?

Gg – Seee, i sorde. Là se pavava cu’ ’i cartuscelle!
Sr – Ma quali pezzi di carta? Dovevi cambiare la valuta con dei buoni acquisto.

Gg – E ì mi so’ fatt’ ’i fotocopie d’i bbuoni … Mica so’ fesso!
Sr – ’U solit’ ’mbruglione. Comme se po’ ghi annanze c’a gente cumm’e tte?

Gg – Io ’mbruglione? Quelli del trenino non li hanno accettati, ’u bar ha ditte ch’ì putevo purta’ a sorèma. E po’… è cosa ’i cucena’ a’ casa e ’i purta’ ’u mmangià miezz’a via?
Sr – Ma guard’a chist’. Scusa, ma non è meglio ’a rrobba fatta in casa?

Gg – Meglio? E i ristorant’ che ce stann’ a ffa? A cagna’ aria?
Sr – Che c’entra? Era per rendere più caratteristico l’evento.

Gg – Ma si nun ce steve manc’ ’nu ciat’i viente …addò l’è sentute tu ’stu viento caratteristico?
Sr – Eeeh… stamm’ appost’! Lascia sta. Comunque c’erano i piatti pure dei ristoranti.

Gg – I piatti sì, ma no ‘a robb’a ’ind.
Sr – Ma nun’ è overo. E’ fa’ semp’ u scazzelluse pe’ ’mbruglià a modo tuie.

Gg – Comunque, ho assaggiato tutto, ma proprio tutto.
Sr – Allora potresti dare un tuo giudizio sulle ricette ed imbastire una recensione sulla pubblicazione che è stata fatta in occasione dell’evento?

Gg – Nun me pare che ce stéven’ i sarti, né i vestiti: quindi niente imbastitura.  E poi la ricezione della pubblicità non era buona, diciamo ’na schifezza.
Sr – Madonna mia, ma ch’è capite? Io mi riferivo alla brochure “Ponza in Tavola” che è stata realizzata e presentata per l’occasione.

Gg – Sient’a mme. Briosce e briosciucce i’ nun’aggie viste, e ’ngopp’a tavula Ponza non ce steva! …Po’ si l’hanno mise dopp’ ca me ne so gghiuto, nunn’u saccie!
Sr – Certe volte parlare con te è come parlare a un coreano: nun capiscie niente!

Gg – Uée! N’accummenciamm’ cu’ ll’offese che ie te ienche ’i chit’e’mmuorte!
Sr – Insomma, iammuncenne… ’na vota tante nun te puoi lamenta’!

Gg – Sì, a robb’ era bbona, però…
Sr – Però?

GgE che madonna..! Ma dopp’ ca ie aggie assaggiat’ tutt’ cose, ’a tutti i banc’ e banchetielle, e me so’ alleccate pur’ i ddete, gli Organizzatori nun putevene mette ’nu premio “Degustatore Benemerito” …’nu ricurdino, ‘na cusarella ’a purta’ a’ casa, p’a famiglia …comme se fa ai festini ’i sposa? …Ma che mmuort’i famme!