Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-53-53 p18-1-di-4 u-09 vic gruppo-comunioni 06

Ponza in tavola

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  retunne

Ponza in tavola. Venerdi pesce. Red

 

Ponza in tavola

 

Giggino – Tu l’è saputo ch’hanno fatto ’na festa a Ciancoss’ ?
Sang’ ’i  retunne – ’Na festa? Non mi pare.

Gg – Comm’ no? Tipo ’nu festine senza sposi.
Sr – Ah sì..! la degustazione dei prodotti tipici ponzesi?

Gg – Ecco bbrave. M’aggie fatt’ ’na magnata. Me so’ fatt’ nuov’ nuove.
Sr – E te pareva ! E i soldi chi te li ha dati? Assuntina?

Gg – Seee, i sorde. Là se pavava cu’ ’i cartuscelle!
Sr – Ma quali pezzi di carta? Dovevi cambiare la valuta con dei buoni acquisto.

Gg – E ì mi so’ fatt’ ’i fotocopie d’i bbuoni … Mica so’ fesso!
Sr – ’U solit’ ’mbruglione. Comme se po’ ghi annanze c’a gente cumm’e tte?

Gg – Io ’mbruglione? Quelli del trenino non li hanno accettati, ’u bar ha ditte ch’ì putevo purta’ a sorèma. E po’… è cosa ’i cucena’ a’ casa e ’i purta’ ’u mmangià miezz’a via?
Sr – Ma guard’a chist’. Scusa, ma non è meglio ’a rrobba fatta in casa?

Gg – Meglio? E i ristorant’ che ce stann’ a ffa? A cagna’ aria?
Sr – Che c’entra? Era per rendere più caratteristico l’evento.

Gg – Ma si nun ce steve manc’ ’nu ciat’i viente …addò l’è sentute tu ’stu viento caratteristico?
Sr – Eeeh… stamm’ appost’! Lascia sta. Comunque c’erano i piatti pure dei ristoranti.

Gg – I piatti sì, ma no ‘a robb’a ’ind.
Sr – Ma nun’ è overo. E’ fa’ semp’ u scazzelluse pe’ ’mbruglià a modo tuie.

Gg – Comunque, ho assaggiato tutto, ma proprio tutto.
Sr – Allora potresti dare un tuo giudizio sulle ricette ed imbastire una recensione sulla pubblicazione che è stata fatta in occasione dell’evento?

Gg – Nun me pare che ce stéven’ i sarti, né i vestiti: quindi niente imbastitura.  E poi la ricezione della pubblicità non era buona, diciamo ’na schifezza.
Sr – Madonna mia, ma ch’è capite? Io mi riferivo alla brochure “Ponza in Tavola” che è stata realizzata e presentata per l’occasione.

Gg – Sient’a mme. Briosce e briosciucce i’ nun’aggie viste, e ’ngopp’a tavula Ponza non ce steva! …Po’ si l’hanno mise dopp’ ca me ne so gghiuto, nunn’u saccie!
Sr – Certe volte parlare con te è come parlare a un coreano: nun capiscie niente!

Gg – Uée! N’accummenciamm’ cu’ ll’offese che ie te ienche ’i chit’e’mmuorte!
Sr – Insomma, iammuncenne… ’na vota tante nun te puoi lamenta’!

Gg – Sì, a robb’ era bbona, però…
Sr – Però?

GgE che madonna..! Ma dopp’ ca ie aggie assaggiat’ tutt’ cose, ’a tutti i banc’ e banchetielle, e me so’ alleccate pur’ i ddete, gli Organizzatori nun putevene mette ’nu premio “Degustatore Benemerito” …’nu ricurdino, ‘na cusarella ’a purta’ a’ casa, p’a famiglia …comme se fa ai festini ’i sposa? …Ma che mmuort’i famme!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.