Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-10 i-24 p-17 paolo-17 101 Spugne e astroides si contengono lo spazio

Giggino diventa Buddista

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Venerdì pesce

 

Assuntina – ’Ueee! Tu e’ lascia ‘a sta a mariteme, e’ capito?
Sang’ ’i retunne – E mò che è succiess’? C’aggie fatt’?

As – Ce staie mettenne cose streuse ’ngapa. ’U staie facenn’ sciemuni’.
Sr – Ah! Mò io ’u sto facenn’ sciemuni’? Secondo me è ’u cuntrario.

As – A sì? Mo s’è mise ’ngap’ ca vo’ cagna’ ‘i generalità. Sape sul’ iss’ pecché!
Sr – Stamm’ apposte! Ed io cosa c’entro in queste sue stranezze?

As – C’entri  c’entri! …Tu c’intre sempre quando se tratta ’i fa’ ’mbruoglie.

(Qualche ora dopo)

Sr – Giggì, c’avute Assuntine? A mument’ me mangiava.
Gg – A colpa è ’a toia. Nun ’a saie mannà a cas’e’diavule ?

Sr – Ma che è ’sta storia d’u cambiamento anagrafico?
Gg – Eee, ’i cheste vuleve parla’! …Se po’ cagna’ chell’ ch’è scritte ’ngopp’a carta ’i’dentità?

Sr – Beh, sì… La residenza, lo stato civile, la fotografia, l’indirizzo, la descrizione fisica, volendo pure il sesso. Delle volte anche il cognome ed il nome.
Gg – Ie voglio cagna’ ’u luogo ’i nascita.

Sr – E proprio chell’ nun se po’ fa! ’A nascita chella è. Ma pecché, non ti sta bene “nato a Ponza”?
Gg – E’ una questione seria, nun me sfott’.

Sr – Dove vorresti essere nato?
Gg – Aaah… mmm… a… Centocelle?

Sr – Non è una città, quello è un quartiere di Roma.
Gg – Chille ’u ’uaie ’u facette Pelliccia.

Sr – ‘U tassista?
Gg – Essì. Purtaie a mammà ’ncopp’u camp’ in ritardo. Mò fosse nato a Formia! Invece so’ nato ’ndu tassì, cu’ mammà c’a capa a Ponza e i pied’ i Fforne.

Sr – Azz, ’ngopp’u confine. Allora addo’ si’ nato? ’A ccà o ’a llà?
Gg – E chi ’u sape? Mò teng’ l’occasione e risolvo pure ’stu problema.

Sr – Ma quale occasione? Ti ho detto che non si può cambiare il luogo di nascita. Ma, a parte ’u tassì, perché lo vuoi fare?
Gg – Hanno fatto ’na legge che pe’ ’iuca’ a pallone ccà e’ ’a  esse f’rastiére.

Sr – E tu pe’ chest’ te vuo’ fa’ romano? Ma nun se po’ ffa.
Gg – E sì! …nun se po’ ffà. E allora cagno religgione.

Sr – Poi Assuntina dice che song’ io. Che è mò ’sta cosa d’a religione?
Gg – A iere, mentre steve ‘ngopp’u Comune scummattenn’ pe’ ’sta cosa, è arrivato uno tutt’ pelato, c’a ’lluocchie ’i pazzo e ‘i recchie a palette e m’a ’itte: – ’Uee cafone ponzese, nun ce rompe, qua abbiamo da fa’ con i “VIP”, capito? Fatte buddista così rinasci ’ndò cazzo vuoi tu!”

 

Buddhist monks

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.