Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-18-4-di-4 u-13 30-07-2005-19-35-51_0006 k2-27 101 76

Emigrati di ritorno

Condividi questo articolo

di Paolo Iannuccelli
http://www.dreamstime.com/stock-photos-bye-beach-image26295393

 

Durante la presentazione del mio libro Gente di Ponza, qualche settimana fa a Le Forna, il professor Enzo Pagano, ponzese, docente di Economia in una rinomata università di  New York, ha fatto notare come uno dei punti cardine per rafforzare il turismo a Ponza potrebbe essere il coinvolgimento dei tanti isolani residenti negli Usa, molto legati tra loro attraverso delle associazioni.
Purtroppo si sa, l’Italia è stata e, complice la crisi economica e la mancanza di sviluppo di alcune Regioni, continua ad essere, una terra di emigrazione.
Da sempre però non è mai mancata la passione e l’interesse a ritornare, almeno in vacanza, da parte di chi è stato costretto a partire per lavoro.

Ecco allora un’idea che da una parte facilita il rientro degli emigrati per le ferie e dall’altro prova ad incentivare le strutture turistiche locali: dare agli emigrati degli incentivi quando tornano in Italia per turismo.

Per ora le incentivazioni finanziarie in questione sono state adottate soltanto dalla Basilicata. La giunta regionale di Potenza ha infatti recepito le proposte fatte a suo tempo dall’Assemblea annuale dei lucani all’estero, relative a incentivi economici per i gruppi di emigrati e discendenti di lucani che tornano in Basilicata per turismo.
Si tratta di un provvedimento importante che, certamente, darà ossigeno alle strutture ricettive lucane, la cui prima fase di sperimentazione sarà gestita dall’Azienda di promozione turistica (Atp).

Chissà che altre Regioni non prendano a esempio questa iniziativa lucana e la ripropongano.
Il professor Enzo Pagano ha messo in risalto, durante il suo intervento, la necessità di potenziare il collegamento tra Fiumicino e Ponza con mezzi veloci e idonei, elemento fondamentale per lo sviluppo turistico.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.