Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-34 k2-14 v2-22 e-66 m2-33 89

Ma va a… Frontone!

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Venerdì pesce

 

Continua la fortunata serie “Venerdì pesce”!
l.R.

 

Gigino – Tu che sai quasi tutt’ cose, a chi appartiene “Zoticone”?
Sang’ ’i retunne – Giggi’, “zoticone” non è un nome, è un aggettivo.

Gg – Mò nunn’accummencià a fa’ ’u professore. Lascia sta ’a matematica.
Sr – Ma qua’ matematica! …“Zoticone” significa poco colto, ineducato, rozzo, grossolano…

Gg – Azz’! …nda ’na parola ce stanne ciente significate!
Sr – Adesso dimmi da dove ti è uscita questa novità.

Gg – Allora. Tu sai che m’hanno vuttat’abbascio ’u cess’ ’i servizio che m’ero fatto abbusivo sott’a scala d’u ciardino?
Sr – E mò che c’entra ‘u cess’?

Gg – C’entra, c’entra. A’ casa mia, ’a staggione, nun se capisce niente! …arrivan’ pariént’ ‘a tutt’ ’o munno… e ’a mmatina è ’na ’uerra.
Sr – Facite ’a ’uerra ’a matina? E pecché?

Gg – Fore ’u cess’ se fa ’a fila …e furnesce semp’ a mazzate.
Sr – Addirittura?

Gg – Io, che ’a matina m’aggia concetra’, comme faccio cu’ chillu sfaccimm’ ‘i traffico? E allora me so’ organizzato…
Sr – Hai costruito n’atu cess’ abbusivo?

Gg – No no… chille se ne parla ’stu vierne… Io ’a matina me ne vang’ a Fruntone. Là a chell’ora nun ce sta nisciuno, ce stong’ sul’io… i cess’ ch’hanno mise so’ comodi, ’u rummore d’u mare mi rilassa, me leggo ’u Corriere d’u Sport e vang ’i cuorp’. Poi me facce ’na bella doccia, ’nu bicchier’ d’acqua fresca, a’ faccia ’i chi ce vo’ male… e me ne vang’ a fatica’.
Sr – Niente di meno te ne vai a Frontone, a fare i fatti tuoi?

Gg – Eeee… Ci andavo!
Sr – Come? Non ci vai più? Sono partiti i parenti?

Gg – Ammagari! …L’ata matina, mentre mi stavo concentrando ’ncopp’ ’a tazza, sent’ ’nu casino for’ ’a porta e uno che dice: – “Ahoo! A Zoticone..! T’ho beccato finarmente. Vie’ fori che te prendo a carci ner culo”.
Sr – E chi poteva essere a quell’ora?

Gg – Anfatti! …Aggio pensato: io non mi chiamo Zoticone… Nun ci’ allave cu’ mme.
Sr – Ah, ecco dove l’hai sentita quella parola …E allora?

Gg – All’improvviso ha spalangate ’a porta d’u cess’ cu ’nu caucie e me so’ truvate annanze uno senza capill’, c’all’uocchie ’i pazze, cu ‘nu sigario ’mmocca e ‘na butteglie ’i rum mmano.
Sr – O Madonna mia, ’nu pariolino gigante?

Gg – M’ha pigliato pe’ ’nu raccio e m’ha ‘itte: – “Uè, cafone ponzese, valla a fa’ ne’e palette, che là è ’r posto tuo… Questa è roba pe’ signori, no ppe’ miserabbili come te”.
Sr – E tu che hai fatto?

Gg – Io? …L’aggie ringraziato e me ne so’ gghiuto!
Sr – Ah! Lo hai pure ringraziato?

Gg – E cierto! …Chill’ p’u spavente ’nda ’nu colpo m’ha sciuovete ’u cuòrp’. Erene sette ’iuorn’ ca nu’ gghieve!

Capacità di indignarsi

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.