Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0042-042 sc l-09 ambrosino-06 05 sl372236

È ’a staggione, ’a disgrazia!

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunneEstate

.

Marietta – Assunti’, ’è visto a mariteme?
Assuntina – Ah! Ogni tanto ’u pierde pure tu?

Ma – Ogni tanto? Quand’arriva ’a staggione va sbattènn’ comm’a ’nu laune sturdute.
As – Eee! Pure Giggine fa accussì… dice ’nu sacc’ ’i bucìe, sbaréa c’a capa e se scorda ’i s’arretera’.

Ma – M’appiacess’ vede’ che cumbinano… puorte puorto.
As – È meglio nu’ vede’ e nu’ senti’… Tanto po’ a’ vernate ccà hann’a turna’… e ccà facimm’i cunte …C’u’ bbinoculo ci ’a faccie vede’ !

Ma – Assunti’, sient’a mme, ’na sera ‘i cheste facimmece ’na bella cammenate a’ vot’i vasce.
As – E che te vuo’ antussecà ’a staggione? Tanto chill’ fann’ uocchie chine e mmane vacante.

 

(Qualche giorno dopo)


Ma
– Assuntina mia, tenive raggione tu, me so antussecata! L’ata notte song’ scesa… e nun l’aggio truvate cu’ ’na bionda ’nzino..?
As – Ah! l’è acchiappato? E c’ha fatto ?

Ma – Steve talmente ’mbriaco che m’ha presentata pure a chella cosa slavata.
As – Ce vo’ ‘nu bellu curaggie, però!

Ma – Ma pegliato pe’ ’na mano e ha ‘itte: “Giennifer, ti presento la mia assistente familiare” …C’u pozzen’ accìde!
As – Alla faccia! E tu ch’è fatte?

Ma – Ci’aggio chiavato ’nu paccarone che c’è vulute l’assistente sanitario d’u cientediciotte! So’ duie iuorne che dorme!
As – Cierte ca quann’arriva ’a staggione è ’na disgrazia!

Ma – E Giggino?
As – Lasseme sta, so’ distrutta.

Ma – L’è pigliato pure tu cu ’na femmena a fa’ ’u rattuso?
As – Peggio, peggio…

Ma – Cu’ doie romee a fa’ i balli rosa?
As – Peggio, peggio…

Ma – E ’i peggio che ce sta?
As – ’U steve cercanne ’a tre ore, quann’aggio sentuto ’nu remmore ’a ’rète a cierti bidune ’i munnezza… Ce steve isso ’a sotto a uno tutt’ pelato, c’a faccia ’i  pazzo, russe avvinazzato ca ce diceva: “Aho! Cafone ponzese, pija qua! Questo è per il ricorso TARES… e questo è pe’ l’acqua che te freghi… questo è per ’a protesta de Giancos… e questo è pe’ li copertoni, questo perché hai pisciato drento a’a casetta dell’acqua der Frontone… Questo è perché ridi der trenino e questo perché quando me vedi te dai! …Ma mò t’ho preso! …Tie’!

Ma – Oh Madonna! E mò?
As – Mò sta a’ casa, assettato ’ngopp’ a ’na stecca ’i ghiaccio.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.