Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-18-35 a4-36 foto-0001 Foto di gruppo h-23 ss27

Le commissioni

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Il problema dei rifiuti

 

Assuntina – E’ visto a chillu curnute ’i Giggino?
Sang’ ’i  retunneL’è perze ’n’ata vota?

As – Ogni tanto sbaréa c’a capa e vattell’appesca che fine fa.
Sr – Forse avrà avuto un’altra delle sue apparizioni mistiche notturne?

As – Se… se… ’i ccanosche bbone ie l’apparizzione soie… quanne se mett’a beve..!
Sr – Tu c’è sta’ chiù vicine, l’è cerca’ ’e capi’… in fondo è ’nu brave ’uaglione.

As – ’I mazzate ’ngape ce vulessene: quand’ ’nponte è peggio ’i ’nu ciuccie.


(Qualche ora dopo)

Sang’ ’i  retunne Giggi’, addo’ stive? Ma è mai possibile c’a chella povera femmena ’i muglierete ’a fai sta’ sempe in agitazione?
Gigino – Ma statt’ zitte! …Che mm’è capitato!

Sr – Hee! tutt’a tte succedono? Si’ semp’ ’u solito!
Gg – Mò te racconte… So’ partito ieri alle 5.30 per Terracina.

Sr – Oh Madonna! Mò è pigliato chella via? Ma che tiene ’a fa a Terracina?
Gg Ma è  mai possibile che non riesci a modernizzarti? Si’ rimast’ a cient’anne fa! Il mondo è globellizzato: nun si ferma a’ pont’ ’u Cienz’. A Terracina si trova quello che qua non c’è. Là c’è la civiltà.

Sr – Globalizzato! …no come dici tu. Ma oltre alla spiaggia, di civilizzato che ce sta ’i cchiù là, che vai a cerca’?
Gg – Ie vang’ a Terracina a fare le mie commissioni.

Sr – Mò pure ’i commissioni?
Gg – Visto che mi andavo a fare un bagno a mmare come si deve, ne ho approfittato per portarmi le buste della monnezza e spedire delle lettere: da là partono e arrivano come in Italia.

Sr – ’A munnezza? T’è purtat’ ’a munnezza a Terracina?
Gg – E sì, là conviene… cca nu chile ’i munnezza costa cchiù ’i nu chile ’i pane. A’ matina cunvenesse ca Tonino, c’u camiòn, iesse a Terracina, scaricasse i bidune chine e caricasse i vacante.

Sr – Ma ce vo’ ’nu curaggie a penza’ cierti ccose. E allora?
Gg – Allora… Dopo ave’ iettat’ ’a munnezza e spedito ’a posta, me ne steve ienne a fa’ ’nu bagno a ’na marina che è larga quant’è longa Fruntone.

Sr – E se, buonanotte. Sei andato a Rimini?
Gg – Nun fa’ l’ignorante, non sono andato in Svizzera ma a Terracina.

Sr – Sì, vabbuo’ …e allora?
Gg – S’è avvicinata ’na signora e m’ha chiesto se la potevo aiutare… che aveva bucato una gomma e non sapeva come fare.

Sr – E tu l’hai aiutata?
Gg – E che io conosco i gommisti di Terracina? Ci’aggie ‘itte si veneva cu’ miche a Ponza, ca là stamm’ chine ’i cupertune… Hai voglia…

Sr – Azz! Un altro modo per attirare il turismo. Bisogna dirlo all’assessore.
Gg – Mentre cercavo di capire la grandezza della ruota, ’nu Sceriff’ c’a faccia ’i pazze e tutte pelato ca steve appiattute arète a ’nu bidone d’a ‘mmunnezza… E chi sa c’ha capite, quando facevo il segno con le mani della circonferenza d’u cupertone d’a signora… Inzomma… m’ha dato ’nu pacchere e m’ha jettato a mare! …Aggio perso ’u vapore, ’nu papuscio, ’nu mellone e quatt’ chile ’i percoche che m’ero appena accattat’ u mercate ’i Terracina.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.