Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0003-003 2009-07-21_18-54-33 pg ss18 91a Una giovane cernia bruna: Epinephelus marginatus

Immaginatevi..!

Condividi questo articolo

di Francesco Piras
Sfera celeste

 

Carissimi amici di Ponza racconta,
anche se quest’anno sarà difficile organizzare un evento astronomico a Ponza sappiate che nel mio cuore porto sempre un bellissimo ricordo di voi e della vostra meravigliosa Isola.
Se volete continuerò a mandarvi degli articoli da pubblicare nel vostro sito. Eccone uno che ho scritto dopo aver letto alcuni racconti di fantascienza.
Il titolo è: “Immaginatevi”
F. P.

Nell’universo ci sono corpi talmente grandi e particelle così  infinitamente piccole che per poterle percepire bisogna immaginarsele.
Immaginatevi per esempio una sfera.
È facile immaginare una sfera.
Potete pensare ad una biglia di vetro, ad un pallone con cui giocare, oppure ad una mongolfiera.
Adesso immaginatevi una sfera grandissima, anzi immensa, ma, questa volta, fate in modo che voi ne siate il centro.
Immaginate che su questa immensa sfera siano proiettate stelle, pianeti, satelliti, galassie, comete e asteroidi.
Ebbene, avete appena immaginato ciò  che gli astronomi chiamano “sfera celeste“.

Se vi domandassero “esiste veramente la sfera celeste? La risposta più ovvia sarebbe “si” dal momento che sono gli astronomi a nominarla per primi.

Di fatto non esiste nessuna sfera celeste ma, questa invenzione torna molto utile perché permette di identificare qualsiasi astro usando semplicemente due coordinate: la declinazione e l’ascensione retta, simili in tutto e per tutto alla latitudine e alla longitudine che si usano per individuare un qualsiasi punto della superficie terrestre.

Immaginatevi ciò che gli antichi greci hanno immaginato osservando le tantissime stelle della volta celeste: dei, eroi, mostri, unicorni e centauri.
E, visto che ci siete, immaginatevi le costellazioni dello zodiaco (non i segni, noi astrofili non abbiamo nulla a che fare con l’astrologia): l’ariete, il toro, i gemelli, il cancro, il leone, la vergine, la bilancia, lo scorpione, l’ofiuco, il sagittario, il capricorno, l’acquario e i pesci.
Almeno una di queste figure la dovete conoscere poiché vi accompagna sin dalla  nascita.

Facili da immaginare. L’umanità continua ad immaginarle da migliaia di anni.

Non c’è niente, dunque, che sia difficile immaginare.?
Certo che c’è.

Immaginatevi una certa quantità di materia, per esempio il vostro corpo, con voi stessi dentro che pensate, e sapete che ci siete e sapete far muovere questa materia in cui siete: farla star sveglia o dormire, farle fare una corsa in mezzo ai prati o una passeggiata in riva al mare mentre in cielo brillano migliaia di puntini luminosi.

Immaginatevi un universo, infinito o no, a piacere vostro, con dentro milioni di miliardi di miliardi di stelle.

Immaginatevi un geoide fatto di roccia, acqua ed aria, ossia la Terra che gira turbinosamente attorno ad una di queste stelle, il Sole.

E immaginatevi voi stessi su questa Terra,  a girare anche voi… a girare turbinosamente nel tempo e nello spazio, verso una meta ignota dell’universo.

Immaginatevi.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.