Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0044-044 h-36 p-18 k2-17 L'interno della grotta Una colonia di Cladocora caespitosa

Clandestini

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  Retunne
Zattera di copertoni

 

Sang’ ’i retunne – M’ha ditt’ Assuntina che stai appreparanne ‘na varca. Era preoccupata.
Gigino – Eee se, ’na varca… ’na zattera!

Sr – ’Na zattera? E ch’è fa’?
Gg – E nun t’u pozz’ dicere. E’ ’nu segreto, nun pozz’ parla’.

Sr – Li conosco i segreti tuoi: ’i sann’ tutti quanti escluso me.
Gg – E perciò che è nu segreto. Sule tu nun è sape’, si’ vocc’apierte!

Sr – E vulimm’ i’ annanze accussì?
Gg – Ho deceduto di cambiare e di non affittarmi più nemmeno di te.

Sr – Aeee! …e che cultura. E c’a zattera che accumience ’u cambiament’?
Gg – E certamente, c’a zattera, pe’ parti’.

Sr – Pe’ gghi’ addò?
Gg – In Libbia.

Sr – Che te si’ asciemunute? Chille se ne fujene a’llà!
Gg – E perciò, llà nun c’è rimasto chiù nisciune e nuie llà jamme.

Sr – Vuie? Ma pecchè nu’ staie sule?
Gg – No no, simme paricchie.

Sr – Ma pe’ fa’ che?
Gg – Là se po’ fa’ nu bagne ’ngrazie ’i Die?

Sr – Credo di sì, là le spiagge sono immense.
Gg – ’U vvì? Là se po’ costruì ’na casa senza ca t’a vottano abbascio?

Sr – Penso di sì, non ci sono vincoli paesaggistici.
Gg – ’U vvì? Là se po’ gghì a Chialiune?

Sr – Non ci sta Chiaia di Luna, ma alle spiagge si può accedere liberamente.
Gg – ‘U vvì? E secondo te là ce stann’ i guardiacaccia?

Sr – Non credo.
Gg – ’U vvi? Chillo è ’nu paradiso terrestre. E nuje llà iamme. Te lasciamm’ ’stu scoglio tutte scarrupate, tutto vietato e chin’ ‘i malviventi e sceriff’.

Sr –  Tu overamente dice? Ma non si può fare: diventi un clandestino.
Gg – Macché, si può fare, c’è la legge “Fossi-Chini”.

Sr – Innanzitutto si chiama “Bossi-Fini” e non dice quello che vorresti tu.
Gg – A no? Ma ormai ’a zattera è pronta.

Sr – Che zattera è? Un gommone?
Gg – E’ un gommone marchiato “Pro-Dopo”. Vien’ a vede’…

Sr – Madonna Gigi’, ma è fatt’ ch’i cupertune? Me pare ’nu scarrafone.
Gg – Duecento copertoni! …’nu capolavoro. Agguanta ’u mare meglio ’i ‘sti quatt’ scassettune d’a Riggione. Tene ’u cess’ e ’a machina ’i ll’acqua.
(Un mese dopo)

Sr – Vueee Gigi’, si’ turnate? E nun si’ rimast’ llà?
Gg – Statt’ zitte… ’Ngopp’ ’a marina d’a Libbia amme truvat’ ’na bella surpresa.

Sr – V’hanno sparato?
Gg – Ammagare! …avrei risposto al fuoco. È asciuto d’arete a ’nu bidone ’u pelato c’all’uocchie ’i pazze e c’u ’nu cappiell’ ’i ferroviere ’ngapa.

Sr – Madonna mia, pure llà? È ’na persecuzione? E che vuleva?
Gg – Ha fischiato e ha ditte: “Ahoo!! …A cafoni ponzesi! …qua nun sete mica residenti! Nun fate li furbi: avete da paga’ ’a tassa de sbarco”.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.