Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

3 57 75 17 silverio-mazzella Immagini storiche di Ponza

Sogno d’estate

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

L’estate si insedia solennemente nel circuito dell’anno solare. A Ponza la spiaggia di Chiaiadiluna diviene punto di domanda insistente, termine di paragone col passato, oggetto di desiderio.
F.D.L.

 

“Il giorno si è impadronito del cielo e passerà tempo per vederne la fine. In giugno il sole s’attarda prima di abbandonare la volta celeste. La baia di Chiaiadiluna  esprime la sua bellezza. Essendo interdetta ai bagnanti mostra netta la curva del suo arenile. Nessuno rompe la calma. La falesia la ripara dal centro abitato, il mare non è ancora infestato dalle barche alla fonda.

Il canottino scivola sulla superficie che si abbellisce del chiarore del fondale, e i due incamerano nella mente uno scenario che non scorderanno più.

La rada di Chiaia di Luna

Si avvicinano alla riva e le boe gialle di interdizione deturpano l’idillio che stavano vivendo. La visione delle reti di ferro aggrappate alle pareti cassano ogni bellezza. Sono arrugginite, sono addossate l’una all’altra, danno l’idea di una pelle vecchia, rugosa e sporca, pronta a squamarsi.

Come è avvenuto che una autentica bellezza naturale, unica, possa essere diventata una vergogna per i Ponzesi? Dichiarata  pericolosa, vietata la balneazione, impedito  il semplice accesso!
E il tunnel romano? Faceva accapponare la pelle per il vento che compariva non appena s’apriva l’uscita sulla spiaggia. Immancabilmente!
È per questo che fiorirono presso il popolo dicerie di visioni magiche, di presenze aeree! E nelle sere d’agosto, si forzava ogni pudore e, con la luna insolitamente rossa, ci si tuffava nudi nell’acqua nera e tiepida.

Chiaia di Luna. Palmarola

Quale stupidità ha vinto su quella meraviglia ?

I due ragazzi udranno come improbabile diceria che lì, nei mesi caldi, inaspettatamente spiaggiavano calamaretti fra le gambe dei bagnanti; che lì in autunno Pasquale “bù” veniva con l’asino a riempire le sacche di quell’alga  scura – no posidonia! – trasportata dai marosi, buona per concimare la terra; che lì Enrico offriva la pezzetta imbevuta d’olio ai forestieri che s’erano inzaccherati di pece. Udranno come una favola che il buon Enrico, negli anni della pensione, si dedicava agli svaghi in una grotta proprio accanto all’arco d’ accesso alla spiaggia. Trascorreva il tempo lavorando il legno che il mare gli regalava. In estate però non era possibile concentrarsi su nulla, distratto e attratto dalle frotte di turisti che si recavano al bagno a Chiaiadiluna, dato che è spiaggia accessibile a piedi.

Cartolina di Ponza degli anni '80

Nell’andarsene però lamentavano d’essersi sporcati di pece, presa camminando fra le pietruzze. Questo disagio dei turisti Enrico non lo tollerò, e ancor più le loro maldicenze. Invitava, chi volesse, a detergere le macchie nere con una pezzetta imbevuta di olio. Sorridente il viso, cordiale l’invito, augurale il saluto. Un signore, Enrico!

La magia della cala rivive nelle imprese di Danilo e Gennaro. Hanno riallacciato i fili di una relazione antica fra gli isolani e il mare attraverso la colorita pratica della pesca.
Sarà capace l’economia del consumo turistico di impedire atti di tale autenticità? Nulla è scritto nel libro del futuro, come suggerisce quel gabbiano che con ampie falcate graffia il cielo.

Qui, dopo un lungo percorso, il sole va ad accucciarsi dietro Palmarola. Cerca riposo. Ci va lentamente. Prima intensifica il luccichìo, diventato arancione, e lo diffonde. Pian piano lo restringe intorno a sé e staglia la sagoma di Palmarola.

La parete a picco di Chiaiadiluna si irrora di arancione per pochi minuti e poi, mentre l’astro si china, scendono le ombre dall’alto e la spiaggia si scura.

Chiaia di Luna. Tramonto

Chiaia di Luna al tramonto

Nella balconata in alto, lì dove si viene a godere del tramonto, i giovani in amore si abbracciano per sugellare l’incontro con una visione indelebile.
A distanza di anni nella memoria rimarrà vivida la fusione fra questa natura e i sentimenti”.

Tramonto a Chiaia

Copertina.Small

Da “Frammenti di umanità” di Francesco De Luca – Edizione Isolaitudine – Ponza 2014

Condividi questo articolo

4 commenti per Sogno d’estate

  • silverio lamonica1

    CHIAIA DI LUNA

    O Chiaia di Luna,
    seno di mare ermo e falcato,
    nelle acque tue limpide
    i sogni dei nostri cuori si specchiano
    e tu li culli
    con il lene murmure
    delle onde.

    La parete a picco
    levigata e varia del colle
    come in preziosa aliotide
    il nostro amore custodisce e voi,
    mare arenile
    passeri nel vespero
    canori.

    E’ arcana malìa
    tra intense fragranze marine
    in tanta solitudine
    lasciar librarsi nell’azzurro immenso
    del desiderio
    di essere un sol essere,
    mia Traude.

    Tommaso Lamonica da “Isole e Acque” Lalli edit. 1977

  • KAHLIL GIBRAN – Poesia

    Per sempre me ne andrò per questi lidi,
    Tra la sabbia e la schiuma del mare.
    L’alta marea cancellerà le mie impronte,
    E il vento disperderà la schiuma.
    Ma il mare e la spiaggia dureranno
    In eterno.

  • antonio scotti

    Una poesia di Maiuri su Ponza declamava”

    ” Di colli e di scoscese repentine
    di falcati strabiombi e di burroni
    Policroma di rocce e faraglione Ponza si
    SPECCHIA NELLE SUE MARINE (?)

    Ma quali? non ne sono rimaste poi molte (?)

    “Ahi serva Ponza di mancanza di spiaggia ostello / non isola di bellezza ma…” parafrasando il sommo Poeta

    Ai Ponzesi l’ardua sentenza: far sì che Ponza rinasca come l’araba fenice dalle sue ceneri e possa offrire lo specchio delle sue MARINE e non perire nelle sue ceneri.

  • silverio lamonica1

    Mi permetto correggere l’amico Antonio Scotti: la poesia citata non è di Maiuri ma del Dr. Silverio D’Atri in “Faville dell’Anima”.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.