Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-19_12-33-50 i-30 f8-19a ms-01 si IMG_20171105_102647 (2)

Caccia grossa

Condividi questo articolo

di Sang’i  Retunne
sassi4

       

Sang’ ’i retunne – ’Uagliò è viste? Mò ccà s’arape ’a caccia a’ volpe.
Gigino – Tu ’a vere dice? Allora ci’amm’ attrezza’?

Sr – …Araparranne pure ’na puteca di pellicceria di volpe.
Gg – A’ faccia mia, ’u fatto è serio. E ’a do’ so’ asciute ’sti volp’?

Sr – Ha ditto ’u giornalaio che ci sono sempre state.
Gg – Io vutechéo pe’ tutte parte, ma mai a pensa’ ’na cosa ’i chesta.

Sr – Questo è un altro grande merito d’u sinneco. Lui se ne è accorto.
Gg – A sì? Nunn’u facev’ accussì appriparato, in materia di volpi. Penzav’ sì ca ne capisceva ’i pisci, cani, ciucci… ’i zòccol’.

Sr – E invece no! …n’accapisce pure ’i volpi travestite.
Gg – Travestite? Ricchione?

Sr – Ma ch’è capito? Travestiti da persone. Persone ‘volpi’, insomma furbe.
Gg – Ah! Mò accumence a nun capì proprie chiù niente.

Sr – Devi sapere che ’ncopp’ a ’stu scoglio ci sono troppi furbi che bisogna catturare e spellare.
Gg – Se è pe’ chest’ già ’u stann’ facenn’ ’u servizzie, senza bisogno ’i ce catturà; però ’a pell’ è fernuta, ce so’ rimaste sule allòss’. Ma chi sarebbero ’sti furbi?

Sr – Tu tieni ’na varca pe’ purta’ i turisti a’ staggione?
Gg – No!

Sr – Non la puoi avere: sei un furbo sfaticato che sfrutta il turismo.
Gg – Azz!

Sr – Tu tieni un ristorante dove si mangia d’estate?
Gg – No!

Sr – E non lo puoi fare: fai il furbo perché prendi la gente per la gola e ti pigli pure pagato.
Gg – Pure?

Sr – Tu tieni ‘na stanza da affittare ai turisti?
Gg – No!

Sr – E non la puoi affittare: sei un ‘cafone’ furbo, approfittatore e fetente.
Gg – Aeee!

Sr – Vuoi andare fore ’a ’Uardia a fare le immersioni?
Gg – No!

Sr – E non ci puoi andare: può cadere un meteorite che t’affonna ’a varca.
Gg – I’ che scarogna nera. Tiè tiè ciucciuvè!

Sr – Tiene ’nu bar per il ristoro dei bagnanti?
Gg – No!

Sr – Lo puoi avere sule si vinn’ ’u rrumm’.
Gg – A me me piace ’a birra.

Sr – Scusa Gigi’, ma tu nun faie proprie niente?
Gg – E comme no!? …A’ mmatina scenn’ abbascie Santantuon’, m’assett’ ’ncopp’  a ’na panchina… e penze.

Sr – I’ che bell’occupazione. E a cosa pensi?
Gg – Penze che in queste condizioni è meglio nun fa’ niente e aspett’ ch’all’ate fanno cocc’cosa pe’ me.

sassi5
Foto da opere di Stefano Furlani” Sassi d’Autore”

sassi6

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.