Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-36 v2-11 s 98 12 il-grottone

Scarrupamiento

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  retunne
Sassi

 

Sang’ ’i  Retunne Ma che stai scassann’ tutt’a casa? Te si ’mpazzùte?
Gigino   Mi porta troppi guai, nun conviene tenerla.

Sr     E c’è bisogno d’a vuttà abbasci’ a colp’ ’i piccone?
Gg     Gli operai costano e qua la ruspa non ci arriva: ’u piccone è l’unica via.

Sr     Ma io non parlo del modo, ma del motivo. Perché la stai demolendo?
Gg     E che, ce vo’ ’na licenza edilizia pure pe’ scassa’ ’a casa mia?

Sr     Non lo so, non credo, ma pecchè l’è fa’? Non capisco.
Gg     Nun serve, è inutile… è meglio la scassa’.

Sr     E’ inutile? E poi dove vai ad abitare?
Gg     Come dove vado? In albergo!

Sr     In albergo? E chi paga?
Gg     ‘U Comune! …ci penze ‘u sinneco.

Sr     Secondo me ’u fridde ’i ‘stu vierne t’ha fatto male. Gigi’ ccà nun ce stanno sord’ e tu parli d’albergo?
Gg     Se se, secondo te… Non sei bene informato. I sord’ ce stanno e comme..

Sr      Sai tutto tu… e poi capisci semp’ a’ scemmerze.
Gg     Sient’a’mme! …‘A TAFÈS m’è custate n’uocchio d’a capa, ‘i tasse m’hanna accise, nun se fatica, nun se po’ affittà, arrivano i sordr d’a riggione e a me non mi venene dati, perché tengo ’sta sfaccimm’i casa… Votta abbascio, votta vooo’! Luvamm’ ’u probblema.

Sr      E va be’, non pagherai la TARES, ma tu credi che una volta che sei rimasto senza casa ti arriveranno l’assistenza gratuita ed i soldi?
Gg     E ciertamente! ’Nu contèners me l’hann’a da’ o no? E già ci ho guadagnato: nun pago chiù niente e mi danno i soldi. M’arrivano pure i pacchi d’a Caritàs. Pensa, ’na vita magnifica: birra, tv, caccia e pesca…

Sr      Na vita ‘i niente! Gigi’, ma nu poco ‘i dignità nun t’è rimasta?
Gg     Ma quala dignità. Si ’a ricchezza s’ammisura ’ncopp’ i prete e non ’ngopp’ i vocche che mangiano, è meglio adeguarsi alle volontà superiori. ’A casa è ’u probblema? E nuie luvamm’u probblema.

Sr      Ma almeno potevi venderla, ci avresti ricavato qualcosa…
Gg     E chi s’accatta? Simme 38 eredi cu’ 6 cause ammiezze.

 

(dopo qualche settimana)

 

Sr      Gigì ma che fine hai fatto? Non ti ho visto più. Addò stai ’i case?
Gg     ’Sti fetiente… m’hanno lassat’ mmiezz’a ’na via.

Sr      Mò accussì va a furni’… ’i fetiente song’ alloro?
Gg     E ccièrto, è ccosa ’i lascia’ ’nu pover’ Crist’ senz’ ’na casa?

Sr      Certo che ce vo’ ’na pacienza cu’ tte. Mamma mia!
Gg     Eeh, ma io li ho fottuti tutti quanti.

Sr      E come?
Gg     Me so sistemato ’nd’a piscina svagantata. Larga, comoda, sicura, silenziosa, fresca d’estate e calda d’inverno: nun pago niente e nisciune me trova. Nemmeno a ’gnora e “è-qua-l’Italia” so stat’ cazz’ i me truva’. Vivo da muort’ ma frego peggio ’i ’nu vivo. Mò sì! 

 .

Nota. Nell’immagine di copertina un’opera di Stefano Furlani, “Sassi d’Autore”

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.