Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-8 e-01 f-96 polina-1921 101a scansione0004

Come Alcione

Condividi questo articolo

due poesie inviate da Salvatore Di Monaco
Come Alcione

Per gli scritti di Salvatore cercare nell’Indice per Autori digitando il cognome: Di Monaco

.

Con comprensibile orgoglio Salvatore Di Monaco da Sant’Antioco (CI, Carbonia Iglesias – il più giovane collaboratore di Ponza racconta, classe 1929 – ci partecipa due poesie della figlia Lucia.

La prima “Come Alcione” è risultata vincitrice della Sezione in Lingua Italiana dell’ XI Premio di Poesia “Città di Iglesias” 2009.

.

Come Alcione

Nella mia rete guizzano
argentei e informi,
in sete di vita,
le fatiche dei giorni.
Con l’apice amo a
pescare fra maree
d’inchiostro
aguzze consonanti ed
abbracci di parentesi.

La bellezza di un suono
liquido e vivo
va graffiata
(divina incrostazione)
dal fondo scabro
di anfore sonanti
perdute in un naufragio
senza tempo.

Temo chi bercia
un monotono diapason
di sillabe arcigne 

– brutale sirena –

per essa il dolore
dell’onda
all’alba o al tramonto
sarà sempre,

e solo,

inutile ed eterno
frastuono.

.

La poesia “Sciollidramma – L’arcolaio” ha vinto il 1° premio -sezione vernacolo – al Concorso Internazionale Contemporanei d’Autore 2012 – Città di Lecce

Arcolaio

 

Sciollidramma

Annua unu filu de lana
a sa terra;
dd’at a tingiri de birdi
accomenti su sùlidu de sa foresta
aùndi is Janas pispisanta
e s’Erchitu pistara s’erba
cun sui pei partidu.

Non timasta si in is
baddis iscuras
si furriat a nieddu.

Su beranu nascit
sempiri de s’Inferru.

Annua unu filu de seda
a su célu de s’istadi;
dd’at a tingiri de asùlu
accomenti is ogus de
su mari chi ddu fait
de sprigu luxenti e su
sonu de is iscoglius eternus.

Non timasta si in altu
si cambiat a canu.

S’acqua bessit sempiri de
is nuis.

Ma a su coru de s’Amori
unu filu de spinasa non d’annuisti.
Comenti unu rusignolu in soga
s’arat morri, e s’ultimu
attìtidu at a essi aicci lèviu
de segai su mundu in duus,
fairi arrui sa terra e su célu
e sa vida chi
’nd’as furau.

 .

Arcolaio

Annoda un filo di lana
alla terra
la tingerà di verde
come il sospiro della foresta
dove le fate bisbigliano
ed il Fauno pesta l’erba
con lo zoccolo bipartito.

Non temere se nelle
oscure valli
si muterà in nero.

La primavera nasce
sempre dagli Inferi.

Annoda un filo di seta
al cielo d’estate;
lo tingerà di azzurro
come gli occhi del
mare che gli fanno
da specchio lucente e il
risuono degli scogli eterni.

Non temere se in alto
diverrà grigio.

L’acqua cade sempre
dalle nuvole.

Ma al cuore dell’Amore
un filo di spine non legare.

Come un usignolo in lacci
morirà, e l’ultimo
canto funebre
sarà così lieve
da spezzare in due il mondo,
far cadere la terra e il cielo
e la vita che
gli hai rubato.

                                           [Lucia Di Monaco]

Condividi questo articolo

2 commenti per Come Alcione

Devi essere collegato per poter inserire un commento.