Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-51-35 ep-01 h-29 b-01 dramatherapy-dancing-boat Astroides calycularis

’U Confino

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  RetunneIo non c'ero

.

E’ bastato un articolo (di Silverio Lamonica) sulla riproposizione della passeggiata commemorativa lungo le residenze dei confinati a Ponza – di qualche giorno fa su questo sito (leggi qui) – per rinnovare l’interesse, mai sopito in realtà, per le storie e i ricordi sul confino. Sono seguiti gli articoli di Enzo Di Fazio e di Domenico Musco.
Né sull’argomento poteva mancare ‘l’unghiatina’ di Sang’ ‘i retunne, nel suo stile ormai inconfondibile…
l. R. 

Sang’ ’i retunne– Gigi’, incredibile, stai leggenn’ ’nu foglio ’i ggiurnale. Secondo me se scatena ’u diluvio.
Gigino – Ahè! …è  arrivato ’u professore! …Tutte me tenevano vede’ ’a fora ’e te!

Sr – E mo t’è ’nfizzato ’ndà sacca? Che leggive?
Gg – Secondo te, pe’ fa i confini c’era bisogno ’i fa’ arriva’ ’a gente ’a fore? Nuie ccà nun simme cazze manco ’i ’mmesura’ ’a terra?

Sr – Ma che stai dicendo? Chi ti ha detto questa sciocchezza? A Ponza ci sono i geometri e gli architetti
Gg – A sì? E chi so’?

Sr – ’U figlio ’i D’Andrea, ’u figlio ’i Marcone, ’u figlio ’i Mariettine…
Gg –’U vvi? Sule figli. Prima ’nce ne stevene!

Sr – Ma che dici? I tecnici ci sono sempre stati, e qualcuno anche di valore.
Gg – Non sai propriete niente. A Ponza sono venuti da fuori a fare i confini delle proprietà. Sono venuti i ‘confinanti’.

Sr – Ma che cazz’ è capite. I confini che intendi tu, non c’entrano. È la tua ignoranza a non avere confini. E poi si chiamano ‘confinati’ no ‘confinanti’.
Gg – E quali confini fòssene, chill’ ’i sòreta?

Sr – Durante la dittatura fascista mandarono a Ponza gli oppositori del regime, come in una prigione allargata.
Gg – E i confini addò stévene? …abbasci’u puorto?

Sr – Madonna mia! Non c’entrano i confini delle terre.
Gg – E cosa c’entrano, quelli del mare?

Sr – Gigi’, scòrdete ’sta parola, è capito? Mettici al suo posto ‘galera’.
Gg – A sì? Allora mò è tutto chiaro. Avevo ragione io.

Sr – Gigi’, quando dice accussì me fai a’ppaura …Che cosa è chiaro?

Gg – Verucciell’ tutte ’i notte sposta ‘a parracina a ghi ’i vascie pe’ se fott’a terra ’i Civetella.

Sr –  E mò che c’entra questa cosa con il confino.
Gg – Comme che c’entra? …Che Cevetella ha ditte che si sposta n’atu poche ’u confino ’u manne ‘ngalera.

Sr – Ed il teorema è dimostrato.

 

Immagine di copertina: vignetta di Altan

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.