Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0026-026 h-25 h-28 vdp-02 16 giuseppe-vitiello

Intervista a ‘A Priezza. (2)

Condividi questo articolo

di Vincenzo Ambrosino

 

D. – Ci sono delle strutture Comunali da gestire e da riempire di contenuti: il Museo, la scuola media, la nuova costruzione alla chiesa alle Forna, il pallone tensostatico di Cavatella. Che cosa vi sentite di dire agli amministratori per dare a queste strutture la giusta finalità?

R. – Compito di un amministratore è gestire il comune come un’azienda che dia frutti ma anche soddisfazioni: un’attenta analisi del territorio fa chiaramente capire che queste strutture sono delle “Cattedrali nel deserto” che se non vengono affidate e gestite, rischiano di diventare luoghi abbandonati, non curati,  depositi che non portano nulla alle casse comunali e non assolvono al loro scopo creando benessere alla popolazione.

carovana-style-1-maggio-2012

Carovana Style- 1 maggio 2012

D. – Il turismo fin qui sviluppato ha prodotto una doppia realtà isolana: quella estiva caotica e piena di attività commerciali, e quella  invernale basata su una vita rassegnata con attività precarie e volontaristiche. Come associazione teatrale quale idea avete da proporre per riequilibrare le due realtà isolane?

R. – Questo discorso è molto ampio, non si può affrontare in poche righe ma, come si vede benissimo nel Progetto del Museo che abbiamo allegato [Cfr. alla fine di questa puntata], la cultura è senz’altro un veicolo per ampliare la nostra stagione turistica: veniamo proprio da due fine settimana in cui il bel tempo non ci ha assistito e Pasqua e la Festa della Liberazione dovevano essere un sospiro di sollievo e l’inizio della stagione turistica… Ma se non c’è sole a Ponza non si lavora.
Con la dovuta programmazione, con l’apertura dei siti archeologici, del museo, con la valorizzazione del mare come cultura e mestiere, con i percorsi a terra dedicati all’ambiente, la valorizzazione dell’isola di Zannone, la valorizzazione di Palmarola, spettacolare per le sue stratificazioni vulcaniche e con la valorizzazione di tutto il territorio, con i giusti trasporti marittimi e un’adeguata azione e programmazione pubblicitaria fatta a tempo debito e non lasciata al caso, ma mirata con un’azione sul mercato nazionale e internazionale, Ponza potrebbe davvero diventare “la Capitale ” delle isole.

 

manifestazione-trasporti-2012.2

Manifestazione per i trasporti – 2012

D. – Franco Ambrosino, Giuseppe Feola, Maria Sandolo sono giovani amministratori che vi hanno ringraziato del vostro lavoro e hanno affermato di credere nelle associazioni culturali ponzesi: quali azioni politiche vi aspettate che seguano queste affermazioni?

R. –  ‘A Priezza ha sempre collaborato con tutte le amministrazione perché il nostro fine è dare per Ponza sempre, più che possiamo: viviamo stabilmente qui dodici mesi l’anno e tutto ciò che realizziamo lo facciamo per amore della nostra terra.
Da Franco, Giuseppe e Maria ci aspettiamo che realizzino per Ponza, che ci rendano la qualità della vita migliore, che si mettano in discussione, come facciamo spesso noi al nostro interno per fare sempre meglio. Anche loro vivono stabilmente qui e speriamo che pensino soprattutto alle nuove generazioni, a creare prospettive, lavoro e vivibilità. Non è facile essere amministratore dell’isola di Ponza: loro si sono proposti e hanno vinto.
Nel “Milione”di Marco Polo c’è una citazione molto bella riferita al popolo giapponese: “…tra di noi siamo litigiosi, individualisti ma di fronte al nemico siamo come una mano fatta da cinque dita che all’occorrenza si stringe in un pugno per farsi forza”.
Ci aspettiamo da loro forte coinvolgimento e rispetto perché pensiamo che al nostro interno c’è molta ricchezza che può essere messa a disposizione dell’isola: questo non significa che vogliamo delle cariche istituzionali, ma progetti a cui aderire di cui siamo parte pensante proprio perché buoni conoscitori del territorio, della realtà, della cultura e della tradizione ponzese. Questo significa trovare dei punti in comune ma doversi anche scontrare: noi non siamo 
mai stati polemici ma critici, perché la critica è un’analisi che serve a migliorare, la polemica è una stupida perdita di tempo che non giova a nessuno.

Caccia-al-tesoro-2012

 Caccia al tesoro – 2012

Shape-company-2012

Shape Company – 2012

 

Allegato inviato da ‘A PriezzaProgetto Museo

[Intervista a ‘A Priezza. (2) – Continua]

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.