Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0038-038 l-03 k1-15a l-01 veduta-1 L'interno della grotta

I ddoje roje

Condividi questo articolo

 di Carmine Pagano

I ddoie roje

 

I  ddoje  roje

Ce steva na vota nu viecchio

e na vecchia

c’abballavano ‘n’coppa a nu specchio…

No! Chesta è ‘n’ata storia!

Ce steva na vota nu rujello

che era nato a Palmarola.

Int’a na macchia ‘i sparege e murtella

spaccaje u guscio a miezzo a tanta ove

‘ncoppa a muntagna ‘i ponta Vardella.

‘U piccirillo era vivace e temerario

‘A mamma ‘u ‘mparaje a fa l’auciello

e ‘u nomme ca ce dette era Silverio

in onore d’u Santo Vicchiariello

e va capisce pecchè, pe ‘n’coppa e sotto

a Ponza i  Silverio addeventano Ninotto.

Ninotto se lanzava a miezz’u mare

quanno l’onne frangevano furiose

o se lassava sta fermo int’a’ll’aria

cu’i’ scelle aperte, giranno senza posa.

Ma poco a poco se sfastediaje e fa sta vita

sempe ‘a stessa, sempe ‘i  stesse cose

era vugliuso i fa at’esperienze

‘i fa ‘nu viaggio, ‘i se ne i da casa.

Nu juorno ‘pa matina se mettette

areta ‘a na varca che ghieve a pisci spada

vulanno a priesso a priesso se ne jette

poi stanco s’appuiaje ‘n’coppa a murata.

A sera arrivaje a Puort’d’Anzio

e s’aizaje vulanno costa, costa.

A nu mumento ‘ncoppa a na specie’i  mare se truvaje

era nu mare strano, giallo e stritto…

penzaje: “Ce vaco appriesso o vaco dritto?”

decidette ‘i seguì ‘u fiume

e vola, vola senza fermate e soste

a belle e buono arrivaje a Roma.

L’impatto c’a città fu eccezionale

palazzi, ponti e tanti monumenti,

stormi ‘i gabbiani volavano gracchianti

penzaje Ninotto “Sto tra la mia gente”

S’avvicinaje ‘a ‘na roja titubante…

“Songo Ninotto e veng’a Palmarola”

“Palma…de che??” ‘u rispunnette chillo.

“Azz! Chist’è proprio ‘n’ignorante!”

“Palmarola è ‘n’isola che sta ‘miezz’u mare”

“Er mare… e chi l’ha visto mai!”

“Me dicono  che er nonno de mi’ nonno

di là era venuto tempo addietro,

ma che te devo di’, me crederai

nun l’ho mai visto e nun lo vedrò mai.”

“Me chiamo Romolo, Romoletto pe l’amichi,

so’ nato qui e qui c’ho le mie radici,

vivemo in compagnia sopra d’un tetto

in  mezzo a li camini che fanno fumo,

e ogni tanto se ferma drentro ar petto

con più li scarichi che fanno un gran profumo”.

“Pe magnà nun te dico l’abbondanza,

li cassonetti  pe le vie so’ uno ognuno,

pe’ fatte n’abbuffata poi a distanza

c’è una discarica che, Dio sarvi ognuno,

te ce poi riempì bene la panza,

e pe ‘na settimana stai a digiuno”.

Ninotto ‘ u guardaje chin’i’ stupore

forse pure cu’ nu poco ‘i pena,

‘u salutaje “Ciao Romolè, io me ne volo”

e chiane chiane se ne turnaje a Palmarola.

Nota – Il disegno di copertina è dello stesso Autore

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.