Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-10 i-15 i-20 h-23 12 viso-ponzese

Anita

Condividi questo articolo

di Paolo Iannuccelli
Anita Ekberg ne La dolce vita

 

Gli anni ruggenti del turismo in provincia di Latina.

Anita Ekberg, nel 1960 – l’anno in cui fu immortalata in una scena rimasta stampata per sempre nella memoria collettiva, durante un bagno nella fontana di Trevi, nel film La Dolce Vita, diretto dal regista Federico Fellini – ha soggiornato in estate a Capo Portiere.

La popolare rivista di costume ed attualità “Gioia” ha dedicato un ampio servizio fotografico alla notissima attrice svedese che definì “la via dell’amore” quella che, partendo dal lago di Fogliano, raggiungeva quello di Sabaudia.

Lago di Fogliano

Lago di Fogliano

La diva del cinema rimase impressionata dalla bellezza dei laghi costieri, Monaci e Caprolace compresi, era affascinata dall’amenità dei luoghi e dalla cordialità degli abitanti.

Alfio D’Annibale, imprenditore pontino, presidente dell’associazione “Latina, mare e turismo”, in quel periodo lavorava all’interno della storica trattoria di famiglia, Zì Maddalena, a Capo Portiere.

Il suo ricordò è nitido, gli brillano gli occhi, quasi si commuove: “Anita Ekberg era solita arrivare il sabato mattina d’estate, alle 9 in punto faceva una ricca colazione nel nostro locale, poi si recava al mare per ritornare all’ora di pranzo con qualche autografo firmato per i più curiosi. Non disdegnava un pisolino sulla spiaggia, un bagno ristoratore in un villaggio marinaro allora poco frequentato e all’imbrunire percorreva il solito percorso in auto verso Sabaudia, un posto che amava profondamente.
L’attrice era meravigliosa, dopo una settimana di lavoro trovava il giusto spazio per meditare e rilassarsi, ci raccontava quasi tutto del cinema, delle sue serate nella Capitale, durante gli anni ruggenti”.

Quando si diffuse la notizia, a Capo Portiere, che un getto d’acqua solforosa bollente ad alta pressione fuoriusciva da un foro di diametro di 20 centimetri di un pozzo trivellato a 100 metri dalla spiaggia per una profondità di 1.100 metri, tutto cambiò. Questo zampillo alto 20 metri, alimentato giorno e notte, fu oggetto di curiosità e di attenzioni anche da parte di Anita Ekber alla quale piaceva passarci sotto a mo’ di doccia, un vero piacere in una zona a vocazione termale.

 

Adesso l’attrice, 83 anni, vive in una casa di riposo sui Castelli Romani, la salute è cagionevole, le difficoltà economiche non mancano.

Lago di Caprolace. Pantani dell'Inferno

 Lago di Caprolace

Anita e Marcello

Marcello e Anita

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.