Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0051-051 mdp k2-10 vb-24a 110 63

La guida turistica

Condividi questo articolo

di  Sang’ ’i  retunne
Vattelapesca

 .

Sang’ ’i retunne – Gigi’ ma che vaie dicenn’ ai turisti?
Gigino – Racconto l’isola! Pecché?

Sr – Racconti le stronzate. E che, song’ cose ’a dice? I faraglioni della Madonna si chiamano così perché quando il primo ponzese li ha visti ha detto: A Mado’! …Ma dai!
Gg – Tu tiene n’ata spiegazzione?

Sr – No, ma non è certo la tua quella giusta.
Gg – Ai turisti piace, e perciò è quella giusta.

Sr – E chella d’u Scoglio russo? Ma non è possibile! …Si chiama così perché ceduto ai russi per danni di guerra?
Gg – Uagliò, pure i punzise hanno fatto dammaggio in Russia durante ’a ’uerr … coc’cose tenevam’  ’a paga’.

Sr – Ma nunn’ è overo! …Se chiamm’ accussì per altri motivi.
Gg – E quali sono questi altri motivi? Famm’ accapi’.

Sr – Ma non lo so, non lo so! … Certo non quello che dici tu.
Gg – Uaglio’, tu nun sai niente! E poi sarei io l’ignorante.

Sr – E poi che è ‘sta cosa d’u scoglio d’Aniello Antonio?
Gg – Chill’era ‘u nonne d’u marito ’i Marietta ’ngopp’ ’a schiappa. 

Sr – Ma non credo che sia vero che se ne andò sul faraglione che porta il suo nome pe’ scappa’ d’a gnora. Comme faceva a campa’ ’ngopp’a ’nu scoglie?
Gg – Gente e gnore d’altri tempi. I turisti capiscene cchiù ’i te; si’ tu che si’ ’gnorante.

Sr –  Stai ‘mbriacann’ tutta ’a storia ‘i Ponza, che figura facimm’ quando scopriranno che non è vero niente di quello che racconti?
Gg –  Le mie storie sono più belle di quelle scritte nei libri degli amici tuoi. Almeno con le mie si divertono e capiscono: cu’ i toie ce scenne a ’uàllera!

Sr – E poi ’a do’ te vene ’i dice che ’u ruttone ’i Santa Maria l’hanno fatto ‘i furnise pe s’arretera’ a’ casa.
Gg – E che l’hanno fatto i punzise pe’ gghi a truva’ i maruzze a’ Calicaparra?

Sr – L’hanno fatto i romani.
Gg – E dalle cu’ ’sti romani …chille quatt’ ’mbriacùne sfatecate. ’U ’uaio tuoie è che tieni troppi amici mariolini.

Sr – Si dice pariolini e non sono miei amici.
Gg – Insomma chilli là …sono degli approfittatori!

Sr – Ma chi, i pariolini?
Gg – Sì, me se vonne piglia’ a proprietà: ’u ruttone ’i Chialiune è ’u mio, no ’u ’llore! 

Sr – Ma comme fa a essere ’u tuoie? …L’hanno costruito gli antichi romani!
Gg – ’U vvi che cumbinano? Chille fetiente l’hanno costruito ’ndà robba mia.   

Condividi questo articolo

1 commento per La guida turistica

  • Caro mio ci troviamo d’accordo Ponza la perla di Roma o dei pariolini?
    Permettimi di farti conoscere un tuo collega di Napoli:

    E Sanzare (Ischia)

    D’o mese ‘e marzo, abbascio e vapurette,
    mille sanzare stanno a vv’aspettà,
    abbascio o’ puorto stanno ll’à, d’e sette
    e cercano ‘e fà tutto p’affittà.
    Appena d’o vapore vuie sbarcate,
    se fanno attuorno a vvuie pe’ cumbinà:
    Signò , t’enimmo case a buon mercato,
    ll’acqua non manca, vicino o’ mare stà!
    Signò, eccellenza, nun ve ne pentite,
    Dottore bello, stateme a’ sentì!
    Vuie in famiglia, tridece ne site,
    ‘o quarto è gruosso, nce ponno capì!
    E ve fanno sentì assai importante
    chi ve chiamma duttore, chi eccellenza
    sette ve ne stanno arreto, quatte annante,
    mentre ‘nu pare fanno ‘a riverenza.
    Statene certo, vi lasciano soltanto
    quanno cu’ lloro fate il compromesso;
    un milioncino subito in contanti;
    ddoie stanzulelle i ‘o pucurillo ‘e cesso!
    Tutto cuntento a Napule turnate,
    stu buco ‘e casa ca ve costa caro,
    voi dite ai vostri amici: Ho affittato,
    un bell villino con la vista al mare!
    Ma appena ‘o primmo ‘e luglio ritornate,
    c’a pasta, ‘a frutta e ca lattina è ll’uoglie
    chelli sanzare, ancora ll’à ‘e truvate,
    chelli ca v’hanno miso ‘mmiez’e ‘mbruglie!
    Quaccuno ‘e loro già ve tene mente,
    m’appena ca ve vedono ‘e passà,
    ‘e sentite alluccà : Sti Ddie ‘e ‘fetiente,
    vurrie sapè che ssò venute a ffà!

    ( di Vincenzo Giandomenico)

Devi essere collegato per poter inserire un commento.