Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-35 k1-13a h-24 gli-isolotti-del-gallo-la-gallina-il-pollastro la-spiaggia sl372216

Cronache dallo Stracquo. (14)

Condividi questo articolo

di Rita Bosso

cristin

.

Laura Cristin inizia l’attività artistica come pittrice; approda alle performance dieci anni fa, dopo  alcuni mesi trascorsi in Irlanda per un progetto sul delfino.
Barche, mare, viaggio sono i temi sempre presenti nelle sue opere; si è costruita l’identità artistica di Shiren, con cui ha navigato e solcato gli oceani: evidentemente, per affrontare le traversate, ha ritenuto irrinunciabile l’esser donna (she), mammifero, acquatico. A Ponza, Shiren è diventata She-rena, e il fatto che lo stracquo si pratichi sulla riva, a contatto con la rena, c’entra poco.
Shiren ha la parte inferiore del corpo ben sviluppata e una robusta pinna caudale, indispensabili per il nuoto; il corpo di Sherena, invece, potrebbe anche ridursi al solo tronco. La contrapposizione è tra visibile e nascosto, tra esteriorità ed interiorità, tra fisicità e spiritualità; il tronco è null’altro che un manichino, un busto tessile di mare e di cielo, residuo di una serie che Laura Cristin ha realizzato una quindicina d’anni fa e  portato a Ponza come contenitore vuoto, che solo l’esperienza artistica sull’isola avrebbe potuto riempire. Appena prima di lei erano arrivate migliaia di velette blu (leggi qui), stracquate: quale contenuto migliore, per quella cassa toracica ancora vuota? L’inserimento di un cuore blu di velelle, che andranno a connettersi ai tentacoli uscenti dal tronco – ben visibili in fotografia-  pone problemi tecnici alla cui soluzione l’artista sta ancora lavorando; come si sa,  le operazioni di cardiochirurgia hanno la loro complessità…

Sherena Velella

Sherena Velella

Sherena Velella è figlia dei manichini della serie Mediterranea, del 2000: su calchi in gesso sono dipinti paesaggi marini; prima ancora c’erano stati i manichini più rigidi della serie MySelf.
“Shiren presso una conchiglia e Shiren seduta mi fecero desiderare di essere io stessa una sirena” – racconta Laura; logica evoluzione, il passaggio alla performance.

cristin3

cristin5

Mediterranea

Mediterranea

Lavorare gomito a gomito, andare insieme alla ricerca dei materiali, ritrovarsi letteralmente sulla stessa barca non ha creato problemi di competitività tra i partecipanti allo Stracquo.
“L’arte – dice Laura- appartiene a chi se ne occupa, come il tempo, come l’isola”; così, a Frontone, nei pressi delle vasche, è stata Charlotte Menin ad avvistare un pezzo di vetroresina che galleggiava in acqua e si è data da fare per recuperarlo e trasportarlo; parte di una piscina in tempi non lontani, rivivrà come vela o come velario, riparo per la Sherena-Velella.
Laura non ha esitazioni, quando le chiedo di indicare il luogo in cui collocherebbe la sua creatura: Sherena-Velella vuole stare a Frontone, nell’area della peschiera romana dove, al termine della Mostra, Laura realizzerà una performance.

Laura Cristin - Wonderbookcase- acrilico su legno, 1994

Laura Cristin – Wonderbookcase – acrilico su legno, 1994

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.