Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0023-023 u-09 lamonica-01 si t6-22 9

Il favore

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunneSagome

.

Antefatto d’attualità: è su tutti i giornali la notizia del sequestro e della denuncia di cacciatori illegali e con mezzi inidonei (trappole) nelle campagne dell’isola.
Qui la tranquillità della operosa esistenza del ‘Rutunno’ è minata da pericoli di ogni sorta: a parte la taglia che sempre pende sulla sua testa…
Ma non solo… la Forestale su un fronte, con la fissa della protezione dell’avifauna, sequestra e denuncia; la moglie, anziché pensare a come cucinarli, se alla cacciatora o sott’olio, si è messa in testa di fare a sua volta la Diana cacciatrice …
Per giunta sul cranio, già deturpato dall’assenza di faccia, gli sta spuntando un imponente palco di corna.
l.R.

 .

Sang ’i retunne – Gigì ho un problema grande: sono tre mesi che preparo ’u cane, i fucil’, i cartuccie, ’u cazone, ’a giacca …e mo muglièreme nun vò che vago a caccia.
Gigino – Eh, nun vo’! E chi te ferma a tte.

Sr – ’Sta vota m’ha fermate.
Gg – Non ci credo manco se ti vedo.

Sr –  Ha ditt’ che se ie vago a caccia a Palmarola me mette i corne.
Gg – Azz’, e cu’ chi t’i mette ’sti corne?

Sr – Nun m’ha ditt’ e nun me ne fotte cu’ chi.
Gg – E si nun te ne fotte, addò sta ’u probblem’?

Sr – Ce sta, ce sta ‘u problema. Te pare bello che po’ chiste me va bannianne?
Gg – E no! …è peggio d’i corne. ’Nzia maie! Hai ragione.

Sr – Mi ha detto: “Tu vaje a piglià a ll’auciell’ ’i cielo e ie chille ’i terra”.
Gg – Siente sie’, è proprio ’na fetente.

Sr – Io però il problema lo devo risolvere, a Palmarola ci devo andare, aggia truva’ ’u mode i fott’a mugliereme.
Gg – E’ ‘na parola. Che ce mitt’ ’a cintura ’i castità?

Sr – Gigì tu mi puoi aiutare.
Gg – Io? E comme?

Sr – Te mitte ’i lese fora ’a casa mia e comme vide ‘movimenti strani’ m’avvierte.
Gg – Vafancule tu e muglierete!

[di ritorno da Palmarola]

Sr – Gigì nun puo’ capì quant’avimm’ sparato. Auciell’ pe’ tutt’e parte. Ce stevene pure i guardiacaccia: ’i juorne se scappave e ’i sera se magnave e beveve ’nzieme. ’Na meraviglia. E tu ch’è fatt’?
Gg – Ie… t’aggia fatte ‘u favore…

Sr – Brav’! Tutt’appost’?
Gg – Inzomm’…

 Sr – E mò ch’è succiesso?
Gg – Sai comm’è… ’na sera faceve fridde, chiuveve, l’aggia fatto pena e m’ha fatto   trasi’…

Sr  –  ’Stu piezze ’i fetente!!! Gigi’ te s’i fatt’a muglièreme, dimm’ ’a verità.
Gg – Ma io nun te sbruvogno.

Sr  – Aggi’affidato ‘a pecura ‘o lupo!
Gg – Se se… proprie ’na pecura! ’Na vacca!

Sr – Nun ce vuleva assaje p’u’ capì’ …che si’ ’na chiaveca d’omme.
Gg – Ma pecchè t’a piglie tante? Tu a caccia ci si state e io t’aggie fatto ’u favore a gratisse: ’cca l’unica ch’è rimasta futtuta è muglierete… Nun è cheste ca vulive?

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.