Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-19 h-23 k2-9 v2-21 ss12-1 91

A malavéna

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca (Franco)
Attesa

.

Oggi che dai colli gialli si slarga un tenue spiro intriso del profumo discreto d’i  ’uastaccette, insieme ad un’aria lattiginosa, e si appoggia sulla lastra del mare su cui è adagiata l’isola, è difficile che ’a malavéna si insinui come un tarlo nella mente e rosichi. Perché una invisibile continuità trapassa fra la natura e l’uomo e si intersecano le due entità e si condizionano.

Ma quando la fisicità grida la sua impotenza contro la malattia, e il dolore la avvolge completamente, lo sconforto esonda  dalla corporeità ed avvolge le rappresentazioni e le figurazioni mentali. ’A malavéna diviene padrona d’ogni espressione. Senza forza la volontà, senza sprone il desiderio, senza ardore la passione.

.

’A malavéna

roseca,

s’allarga,

nun pare

ma ’ncatena.

Te fa sufferente,

stizze i nierve,

tiene tutto

e tiene niente.

Te fa passa’ ’a voglia,

ammoscia ’a fantasia.

Senza fune

t’arravoglie.

Si’ scucciato,

si’ sfastediato…

è ’na pena

’a malavéna

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.