Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-16 30-07-2005-12-05-23_0000 k2-15 ss05-1 ss07 ss11-1

Autodafé (*)

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Altan. Vorrei contestare

 

Sang’ ’i retunne – Gigi’, sei sempre il solito, è fatt’ succede ’na ’uerra.
Gigino – Io nun c’entro, non ci stavo e se c’ero dormivo. Ma c’aggio fatto?

Sr – Vutt’ ’a preta e nascunn’ ’a mano. Fai l’anonimo e ‘a gente se ‘ngazza.
Gg – Io a nonneme nun ce vott’ ’e prete, che stai dicenn’?

Sr – E se, buonanotte! Tu t’è ’mparà a campa’. La devi finire di fare il vigliacco bugiardo: devi tenere una faccia sola.
Gg – Nuie stamm’ cca scurdate ’a tutte quante, s’arricordano ‘i nuie sule ’a staggione e ce avimm’ arrangia’. E io m’arrangio. Ma ch’è succiéss’? C’aggie fatt’?

Sr – Cosa è successo? Non dici chi sei, ti comporti male e fai lo strafottente.
Gg – Ma jessero a zappa’ a’ ’Uardia che è tutt’abbandunat’.

Sr – Pure cu ’sta storia d’a ’Uardia s’adda fa’ ’nu poco ’i giustizia. Ce sta pure ’u Schiavone e ‘a Pont’u ‘Ncienze ’a zappa’….
Gg – A ’Uardia è chiù vicino a chilli quatt’ sang’ ’i retunne d’u puort’

Sr – Vide lloco, ’u voie chiamma curnute all’asene.
Gg – Tu si’ voie o ciuccio?

Sr – Sì, sì… fai ’u filosofo, ca si t’acchiàppen’ te fanno ’u servizio. Te cride ‘i esse furbo e muore arrustuto pe’ mano d’i fessi.
Gg – Io so’ furbe, sinnò come faceve a fa’ ’ngazzà maeste e prufessure?

Sr – Ma comm’è fatt’ a’ddeventa’ accussì strunz’ ? Nun faie ’na cosa comme si deve e si’ cazz’ ‘i te fa’ schifia’ ’a miezzu munno.
Gg – Si nun fosse state accussì, m’avessero già mangiato e cacato i peggio f’’rastiere… M’avessero già cacciato fore.

Sr – Aggio capito: un’autodifesa! Si’ chiù furbe e fetente d’i fetiente e furbe che venene ’a fore! È accussì?
Gg – ’U vvi’ ca quanne vuo’, sai pure arraggiuna’?

Sr – ’Uaglio’, pe’ teni’ raggione overamente c’è mett’ ’a faccia: la gente la vuole, devi dire chi sei.
Gg – Vonn’ ’a faccia mia? E che i probblem’ s’arrisolvene ’uardanneme ’nfaccia? Allora facimme ’na cosa: io ce mett’ ’a faccia e tu ce mitt’ ’u rieste, visto che a Ponza se usa fa’ i ricchiune cu’ i cule ‘i ‘llate.

 

(*) – L’autodafé, o auto da fé o sermo generalis, era una cerimonia pubblica, facente parte soprattutto della tradizione dell’Inquisizione spagnola, in cui veniva eseguita, coram populo, la penitenza o condanna decretata dall’Inquisizione.
Il nome deriva dal portoghese auto da fé (in spagnolo, auto de fe), cioè atto di fede, e fu il cerimoniale giuridico più impressionante messo a punto e usato dall’Inquisizione [Titolo, vignetta (di Altan) e informazioni (da Wikipedia), a cura della Redazione].

Condividi questo articolo

6 commenti per Autodafé (*)

  • Giuseppe Marino

    Complimenti per l’articolo, pieno di significati e spunti culturali, d’altronde come i precedenti. Al prossimo articolo.

  • Caro Giuseppe, il nostro pesciolino prima nuotava libero nel mare e noi un po’ lo invidiavamo, adesso lo hanno messo in un acquario e da dietro ai vetri recita la sua parte comunque a comando.

  • Lino Pagano

    Grande stronzata della direzione di Ponza Racconta, non meritate solo che vi piglia a pesci in faccia ma di più prima o poi succedere e sarete smerdati da voi stessi. AUGURIIIIIIII

  • sandro vitiello

    Caro Lino, questo spazio ha ospitato spesso i tuoi scritti e in qualche occasione hai anche mostrato gratitudine.
    Ti sembra il caso di usare un linguaggio così aggressivo per una scelta redazionale che non cambierà i destini del mondo e tanto meno i nostri?

  • Luisa Guarino

    Caro Lino,
    proprio non comprendo tanta aggressività nei nostri confronti, peraltro usando un linguaggio scorretto nel contenuto e nella forma. Le tue parole sembrano dettate dall’invidia, non capisco per chi e per cosa. Non amo particolarmente questo “sang ‘i retunne” né tanto meno il suo anonimato ma la nostra Redazione è abituata a muoversi rispettando le opinioni di tutti, in maniera democratica.
    Mi dispiace davvero registrare da parte tua tanta acrimonia.

  • Lino Pagano

    Finalmente qualcuno si è mosso di grazia, il linguaggio e voluto, e voi, come speravo avete abboccato, rispondo sia a Sandro Vitiello, e alla Sig,ra Guarino.
    Non è ne invidia, non ho nessun altro tipo di reminiscenze del passato, ho solo sete do giustizia e di lealtà al sito, Ponza Racconta, cos’è successo avete cambiato le leggi in corso d’opera, perché una volta gli scritti con solo pseudonimo venivano cestinati o annullati, affinché chi aveva scritto con pseudonimo non metteva,la propria faccia, nome, cognome, mi sono battuto in prima persona e supportato anche dalla Sig,ra Bosso e lo stesso Sandro Russo, ora tutti si nascondono,negli anni passati qualcuno aveva scritto con pseudonimo ed era stato ripreso, ed era una persona anche importante,i suoi scritti dopo questa disavventura erano con nome e cognome, ora e permesso al sig.re Sang’’i retunne di divertirsi alle spalle di tutti, dopo essere stato cacciato da Facebook per i suoi scritti, spiritosi diciamo,fa la stessa cosa con Ponza Racconta, mi sta benissimo vuole scrivere, ci mettesse la faccia ho è qualcuno d’importante e deve essere coperto,alla Sig.ra Guarino dico ho vissuto per 64 anni senza Ponza Racconta e posso vivere ancora per quello che mi rimane da vivere senza di essa,avete ragione ho scritto e partecipato, sempre con prolifera di scrittura sempre nei limiti e nel rispetto degli altri,firmandomi sempre con il mio nome e cognome, vorrei conoscere lo scrivente in incognita per fargli una domanda cosa si prova nascondendosi dietro ad un pseudonimo. Qualcuno la definito il Pasquino di Ponza quello sarà il meschino di Ponza.
    Ringrazio la Sig. ra Luisa Guarino e Sandro Vitiello che hanno fatto in modo che io potessi dire quello che pensavo, mi son fatto portavoce di tutti quelli che odiano i soprusi nei confronto degli opportunisti,
    Ora detto ciò fate pure come volete, vuol dire che cancellerò dal mio computer il Sito di Ponza Racconta senza rancore e buon lavoro.
    Lino Catello Pagano

Devi essere collegato per poter inserire un commento.