Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

30-07-2005-19-32-10_0004 gennaro-di-fazio Foto di gruppo 56 giuseppe-vitiello Astroides calycularis

Il trasloco al Faro

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i Retunn’

Pesce grande mangia pesce piccolo. O no
.

Ovviamente sempre fatte salve le priorità per la Difesa Nazionale (!)
l. R.

 .

Sang’ ’i retunn – Gigi’, e che so’ tutte ’sti scatule?
Gigino – Cambio casa, me ne vado.

Sr –  Cambi casa? E perché non stavi bene qua?
Gg – Troppa malaggente, nun se po’ fa chiù niente, stanno sempe a guarda’ a mme. Me so’ scucciate… mò basta!

Sr –  E dove te ne vai?
Gg –’Ngopp’ ’u Faro d’a ‘Uardia.

Sr –  Gigi’, ma fuss’asciute pazz’? Comme ci arrive là? E poi è tutto scassato.
Gg – Comme so’ arrivate ‘llate, ci arrive pur’io. Io l’acconcio, io saccio fa’.

Sr –  E come fai con il lavoro, la famiglia, la spesa e tutto il resto?
Gg – Nun voglio fatica’ cchiù! Mugliereme sta bona, là ‘ngopp, accussì nun cumbine guaje, ’a spesa… risparmiamm! …e d’u riest’ nun me ne fotte.

Sr – Certo che è una scelta coraggiosa, te vaie a chiudere ’ngopp’ a ’na muntagna spersa.
Gg – Ma quale coraggiosa, io me ne scappo, nun support’ chiù a nisciuno. Ccà site addeventat’ ’na maniate ’e fetiente.

Sr – Ma famm’ accapi’, lo hai comprato?
Gg – Comprato? No! Chill’ hanna paga’ loro a mme, ca nunn’o faccie scarrupa’.

Sr – Gigi’, ma che vuo’ fa’ l’abusivo? O mamma mia! ‘U fatt’ è ancora più serio di quello che immaginavo. Chille t’arrestano!
Gg – See..! M’arrestano. M’hanna carria’ a llà ’ngopp’! …Io me faccio pesante.

Sr – Ma quello è un ‘bene pubblico’, non può essere occupato così.
Gg – Si aspettan’ natu ’ppoco, diventa un ‘male pubblico’, pecché se scarròpa. E poi io lo rendo accessibile a tutti.

Sr – Che fai, un albergo?
Gg – Non proprio. Faccio una postazione di avvistamento.

Sr – Per osservare il mare?
Gg – Sì, quello che passa.

Sr – E cosa dovrebbe passare d’inverno? I migranti arrivano in Sicilia mica a Ponza.
Gg – I migranti no, ma i migratori sì.

Sr – E no Gigi’, ma ch’è fa’? ’Na postazione ‘i caccia? Lo sai che stai peggiorando? È addiventate ’na malatia ’a toia.
Gg – Ma tu sai che richiamo turistico? – “Vieni a sparare a volontà dal Faro della Guardia! Tutto compreso: cartucce, lavatura, stiratura, vitto e alloggio” – Che meraviglia…

Sr – Ma nun se po’ ffa’, nun se po’ ffa’ ’na cosa ’i chesta!. E poi cosa vuoi dire con “lavatura e stiratura”?.
Gg – Scusa, ogni anno ’a gente parte e va a caccia a Cuba. Mò a Cuba mica se spare sule? ’A notte comm’ passan’ ’u tiempo? Capisce a mme!

Sr – Ma ch’è fa’, ’nu casino llà ’ngopp’? Fucile e femmene? T’arrestano! T’arrestano, è sicuro.
Gg – Macché! Io gli organizzo tutto in casa. Nunn’è meglio? Anche le mogli saranno contente che i mariti “si divertono” a Ponza invece di andare a Cuba. E finalmente il Faro sarà salvo con “investimenti” locali.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.