Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-39 lam-04 u-35 k2-34 v2-9 s-02

Politica anglofila

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
L'inglese stropicciato

 

Federico Guiglia, giornalista de “Il Messaggero”, ha pubblicato sull’edizione odierna (03.03.2014) del quotidiano romano, a pag. 15, un interessante articolo: “Gli azzeccagarbugli e l’inglese in prestito”, ove illustra, in modo assai eloquente, l’abuso di vocaboli inglesi nella lingua italiana, specie nel nostro “universo politico”.

Io aggiungo che un tale vezzo rischia di diventare ancora più diffuso con il nuovo governo dei “decisionisti” o, se preferite, dei “decision men” di Matteo Renzi.

L’articolo è stato “fonte di ispirazione” del sonetto che propongo, augurandomi vivamente che i poeti del Dolce Stil Novo, oltre a Petrarca, Foscolo e altri non meno illustri, non si rivoltino nella tomba.

Per facilitarne la comprensione aggiungo, al termine, un breve glossario.

 

Durante il question time al parlamento

della spending review si parla spesso,

il premier ha annunciato che adesso

il welfare  è ognora l’ argomento:

la jobs act a tutti dà alimento,

la mission principale è il progresso

a tal convention ora si dà accesso,

bipartisan sia il regolamento.

L’election day e la par condicio

s’è messo a punto pur nel breve  briefing;

il chairman dichiara: “Non inficio

che i partiti sian robusta holding”.

Due senator si dicon: “Micio, micio”

così diventa legge l’outing!

 

GLOSSARIO

Question time = L’ora delle domande: risposta dei ministri alle interrogazioni parlamentari.

Spending review = Revisione della spesa pubblica (tagli delle spese superflue)

Premier = Primo ministro

Welfare = Il benessere della nazione

Jobs act = Legge (o decreto) del lavoro

Mission = Missione, fine da perseguire

Convention = Assemblea per raggiungere un accordo

Bipartisan = Bilaterale, condiviso dai due maggiori partiti (maggioranza e opposizione)

Election day = Giorno di elezioni ( politiche e amministrative insieme)

Par condicio = Condizioni paritarie (termine latino)

Briefing = Incontro per definire gli obiettivi di una iniziativa e i modi per realizzarli

Chairman =Presidente o moderatore di un’assemblea

Holding = Società con azioni o quote di altre società

Outing =  Venire allo scoperto (rivelare pubblicamente il proprio orientamento omosessuale)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.