Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-16 i-34 p k2-16 f-04 Idraulica antica: parte dell'acquedotto

U mare

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca (Franco)
Mare. Foto di Wolcott Henry

 .

In questo momento dell’anno in cui gli isolani dipendono dallo stato del mare, per confermare la soverchiante sua presenza nei nostri pensieri propongo questo brano, inserito nell’ultimo incontro teatrale: A staggione  ‘i  miezzo.
Motivo e versi di Francesco De Luca
Arrangiamento e accompagnamento di Nino Picicco

Mareggiata dietro la Caletta

.

U   mare

 

U mare mena, u mare ‘nfoca,

u mare sciacqua abbasce lloco;

se sta accalmanno, se sta geranno,

‘ncap’ a stasera ha  fatto calmo.

U mare  fète, che calmaria!

Pure u uaglione po’ sta’ a prora via.

Che  fa renfresca, se sta mettenno?

Luvammo mano c’u mare scumma.

Che levantata, chesta è cu i cazze,

paresse ca ce vulesse gnotte.

‘Stu mare cca dura tre gghiuorne,

po’ sta sicuro, t’u puo’  fa’ u suonno.

Vide ‘a Parata che mare iè,

si no dimane chi s’aizza ‘i tre;

si  fore i réfule ‘ncrespeno ll’onne

i rezze ‘i rimanimmo ‘nfunno;

si invece i Furmicule so’ quiete

dimane ammatina vengo e te scete.

U mare ind’i Scuglietelle

t’arricorda c’u viaggio nun è bello.

U mare ind’u puorto

t’ arricorda: quanno trase statte acccorto.

‘Stu mare è patre, ‘stu mare è frate,

‘stu mare cca cu nuie è nato.

Quanno isso allucca ncopp’ i scoglie

ce appaurammo e ce strignimmo i figli;

quanno ce ‘nvita a  ffà i patelle

ce arapimmo u core a passa’ a staggione bella.

‘Stu mare è scola, ‘stu mare è vita.

Voglio muri’, ma ‘nfaccia u mare me mettite

.

( da:  “All’anema  ’i Ponza” –  F. De Luca – 1981 )

.

Mare finale

.

Ascolta qui il file mp3:

.

Condividi questo articolo

1 commento per U mare

  • francesco ferraiuolo

    Il mare è l’elemento primordiale che pervade da subito la nostra vita di isolani, uomini di mare, uomini liberi, non appena essa ha inizio; è l’elemento che, più di chiunque altro, influenza il ritmo della nostra vita quotidiana.
    Il mare permea la nostra essenza; è vita, amore, spazio, senso di libertà.
    Come dice l’ottimo Franco, anche nel momento della morte l’ultimo anelito ci spinge al suo cospetto per il senso di infinito e di eternità che evoca.
    Questo rapporto così intenso e stringente tra l’uomo e il mare mi ha riportato alla mente un’altra poesia che vi propongo:

    L’uomo e il Mare

    Sempre il mare, uomo libero, amerai!
    perché il mare è il tuo specchio; tu contempli
    nell’infinito svolgersi dell’onda
    l’anima tua, e un abisso è il tuo spirito
    non meno amaro. Godi nel tuffarti
    in seno alla tua immagine; l’abbracci
    con gli occhi e con le braccia, e a volte il cuore
    si distrae dal tuo suono al suon di questo
    selvaggio ed indomabile lamento.
    Discreti e tenebrosi ambedue siete:
    uomo, nessuno ha mai sondato il fondo
    dei tuoi abissi; nessuno ha conosciuto,
    mare, le tue più intime ricchezze,
    tanto gelosi siete d’ogni vostro
    segreto. Ma da secoli infiniti
    senza rimorso né pietà lottate
    fra voi, talmente grande è il vostro amore
    per la strage e la morte, o lottatori
    eterni, o implacabili fratelli!

    Charles Baudelaire

Devi essere collegato per poter inserire un commento.