Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0011-011 c2-15 i-33 vb-24a ss26 91a

Commento a “Ponza liberata, o no?”

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
Laziomar

.

Solo una precisazione della Redazione, da parte di chi inserisce materialmente gli articoli nel sito.
Che il – diciamo “mandante” – dell’articolo cui Silverio si riferisce – leggi qui – sia il Sindaco, è largamente una supposizione. I rapporti del Nostro con il sito sono a tal punto assurdi che le cose “si dicono e non si dicono”; “si mandano a dire” da terzi, così che al bisogno si possano sempre smentire. Se il Sindaco vuole per una volta parlar chiaro, invii direttamente e firmi i suoi articoli sul sito che gli ha dato sempre una corretta ospitalità. Pronti a dibatterne in qualunque contraddittorio..!

E ora leggiamo l’articolo di Silverio…

 

Il Sindaco, con il comunicato sotto forma di intervista, giunto alla Redazione tramite Vincenzo Ambrosino, ha inteso rassicurare tutti che i collegamenti miglioreranno con la nuova gestione degli armatori privati napoletani.

Se ciò accadrà noi tutti saremo non felici ma felicissimi.

Gli unici armatori privati, di cui abbiamo certezza, sono stati i f.lli Mazzella prima e la SNIP-SNAP poi i quali ci hanno garantito, con qualsiasi tempo, l’approvvigionamento dei carburanti e dei generi di prima necessità per circa quarant’anni (dal 1976 ad oggi). Sapere che il futuro di questi bravi e laboriosi armatori sia incerto, mi dispiace sinceramente e, credo, dispiaccia a tutti i ponzesi.

Il Sindaco ha dato un’apertura “di credito” ai nuovi gestori della LAZIOMAR. Secondo me ha fatto bene, perché è molto importante iniziare un rapporto di collaborazione scevri da ogni diffidenza o, peggio, ostilità.

Ma la funzione degli organi di comunicazione e, nel caso specifico, di “Ponza Racconta”, è ben diversa.

Noi ponzesi abbiamo sperimentato la SPAN e la CAREMAR, le quali hanno sempre considerato le isole ponziane come una “fastidiosa appendice” delle isole campane.

Poi è subentrata la LAZIOMAR, con tutti i disservizi che sappiamo ed i conflitti con il nostro Sindaco che, giustamente, ha inveito nei confronti di quei responsabili.

Gli armatori campani: LAURO, SNAV, APONTE saranno ben più affidabili? Noi ce lo auguriamo vivamente. A breve saggeremo con mano le promesse, prima fra tutte l’inizio della corsa estiva Anzio – Ponza a metà aprile: questo sarà un miglioramento di non poco conto.

Però sarà bene, anzi giusto, che i sindaci di Ponza e Ventotene partecipino al CdA della nuova Laziomar e in tal senso la Giunta Regionale del Lazio, se necessario, dovrebbe “dare una mano”.

Altra novità importante “i pacchetti” treno + aereo + nave, cui potranno aderire i nostri albergatori e le agenzie turistiche e privati in genere, se sapranno essere lungimiranti. Tuttavia sarebbe opportuno, secondo me, che i nostri Amministratori comunali sollecitassero le parti ad organizzare offerte turistiche in tal senso, ma da subito.

Inoltre fin da ora devono essere pubblicizzati i nuovi orari dei mezzi di collegamento per la prossima primavera – estate (siamo già in ritardo!).

Il famoso “Capitolato di Servizio”. I colleghi della Redazione, di gran lunga più esperti di me nel reperire ed aprire i vari file, hanno sottolineato che quello disponibile non è ciò che interessa. Comunque, con il mio computer, io non sono riuscito ad aprire nemmeno quello (non sono una cima in materia e non me ne dolgo). Però, secondo me, sarebbe opportuno vederlo pubblicato, in modo accessibile a tutti, sul sito del Comune e affisso all’albo tradizionale in forma cartacea.

Per concludere, auguro al Sindaco buon lavoro e a noi tutti di veder finalmente fiorire “le rose” con la prossima primavera.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.