Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-8 u-36 m2-21 112 barche-tirate-a-secco silverio-mazzella

Spettacolo teatrale “Tre pecore viziose”, di Eduardo Scarpetta

Condividi questo articolo

presentazione di Polina Ambrosino
Tre pecore viziose

 .

Ai Ponzesi, ai Lettori e redattori di Ponza Racconta,
il 2-3-4 gennaio, nei locali dell’ex Scuola Media del porto, attuale Sala Pisacane, la Compagnia Nuovo Teatro Ponzese presenterà la commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta dal titolo “Tre pecore viziose“.
L’autore napoletano volle ironizzare, come sempre faceva nelle sue opere, sull’eterno vizio, appunto, di molti uomini, di correre dietro a ogni gonnella pur di sentirsi eterni ragazzi, anche a rischio di rimetterci in dignità e posizione.
Rocambolesca e volutamente teatrale nei dialoghi e negli atteggiamenti, questa commedia ha un grande merito: riesce a delineare in maniera impeccabile ogni personaggio, dando a ciascuno, che sia più o meno protagonista, un suo spiccato carattere, una sua dimensione e personalità.
È una storia avvincente, oltre ad essere divertente e, ambientata a fine ottocento, scritta in un napoletano antico che comunque noi ponzesi conosciamo bene ed abbiamo preservato, forse per la presenza del mare, molto meglio dei napoletani stessi.
In un’intervista a Luca De Filippo di un pò di tempo fa, egli volle sottolineare come, a Napoli, il vero dialetto non si parli più, reso pesante e volgare per nuove cadenze, versi onomatopeici che un Eduardo mai avrebbe inserito in un suo testo.
Noi, nel leggere il copione, alcune parole le abbiamo semplificato, ma leggere frasi in cui si declina il verbo “tricare” è stato, comunque, un arricchimento!
Non voglio dire molto altro per non togliere la sopresa al pubblico che sempre ci ha dato prova di grande affetto.

Vi aspettiamo alle ore 21 del 2 e 3 gennaio e alle ore 17.30 del 4 gennaio!

Il Nuovo Teatro Ponzese augura a tutti i lettori, alla redazione e a tutti i ponzesi, ovunque siano, BUONE FESTE!

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.