Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-23 i-25 isi-01 k1-14a v3-13a t5-18

La posta dei Lettori. Punta Fieno e parracine

Condividi questo articolo

La Redazione
Postaa

.

Continua la corrispondenza con il giovane Antonio Stavole che sta preparando una Tesi su alcuni aspetti di Ponza  (leggi qui)

61

Salve,
sono ancora una volta a chiedervi informazioni per la mia Tesi.
Il professore mi sta assillando perchè vuole che io scriva nella mia tesi anche il motivo del perché ‘Punta del Fieno’ si chiami in questo modo.
Io un’idea me la sono fatta ma chiedo aiuto a voi, onde evitare di scrivere cose non vere.
Grazie ancora una volta,
Antonio Stavole

Fieno. Terrazzamenti copia

Antonio,
non crediamo ci sia bisogno di scomodare troppi esperti o Bibliografia specifica per rispondere, stavolta.

I toponimi attuali dell’isola sono stati in gran parte stati attribuiti dai coloni ischitani (per lo più contadini) e da Torre del Greco (soprattutto pescatori) che rispettivamamente dal 1734 e dal 1772 hanno cominciato ad abitare l’isola ai due estremi.

Al tempo la lingua di terra che aggetta a mare e la zona più a monte – di cui chiedi informazioni – era un terreno brullo e assolato, buono solo per farci il fieno (Punta Fieno appunto!). 

I terrazzamenti (parracine) fatti per rendere possibili le varie coltivazioni, in primis quella della vite, sono borbonici e secondo alcuni andrebbero considerati monumento storico e come tali preservati (sulle parracine, leggi anche qui).

Ma questo e altro trovi sul sito, digitando ad esempio – Punta Fieno – nella funzione CERCA NEL SITO

Contenti di esserti utili. 
Cordiali saluti 
La Redazione

Parracine al Fieno

Vi ringrazio ancora.
Quello che riportate sui terrazzamenti, ahimè, è vero. Le nostre catene rappresentano un esempio unico nel suo genere, riscontrabile solo in pochissime zone della penisola sorrentina.
I borboni a mio modo la sapevano lunga ed hanno trovato l’unico modo possibile per coltivare una parete inclinata come lo sono le nostre.
Il mio professore ha scritto un manuale sui terrazzamenti in cui ci sono 4-5 pagine solo su Ponza, corredate di foto e di accuse varie per l’abbandono cui spesso sono soggetti.
Lo stesso poi mette in relazione la precarietà delle nostre falesie con l’abbandono delle catene che le sovrastano in altezza e, nei capitoli che andrò a creare, dovrò anche darne spiegazione. Ovviamente l’incidenza dei terrazzamenti è minima, così come lo è quella degli agenti atmosferici. Beh vedremo cosa ne uscirà…

Mi piacerebbe darvene conto in futuro, per adesso mi limito soltanto a ringraziarvi cordialmente.
Antonio Stavole

 

Condividi questo articolo

6 commenti per La posta dei Lettori. Punta Fieno e parracine

  • arturogallia

    caro Antonio,
    ad unica aggiunta rispetto a quello che ha scritto la Redazione, vorrei solo segnalarti che in alcune carte precedenti all’epoca borbonica compare già il toponimo “Fieno”.

    Ne approfitto per chiederti io una cosa: hai detto

    Il mio professore ha scritto un manuale sui terrazzamenti in cui ci sono 4-5 pagine solo su Ponza, corredate di foto e di accuse varie per l’abbandono cui spesso sono soggetti.

    Chi è il tuo professore? Di che libro parli? Ti riferisci per caso al numero monografico di “Geotema” del 2006 sui paesaggi terrazzati? se no, mi daresti i riferimenti?

    Grazie

  • Antonio Stavole

    Ciao Arturo. Si, in effetti il libro è Geotema, numero 29, sui paesaggi terrazzati. Il mio prof. si chiama Andrea Riggio, so che ha dei convegni e delle lezioni anche a Roma ma non so dirti altro al riguardo di quello che fa lontano da Cassino! Ti saluto cordialmente, ci vediamo a Ponza, spero. A presto!

  • Antonio Stavole

    P.S. Arturo, se riesci a trovare la carta nautica “Lo Compasso Da Navigare leggiti la presentazione che fa dell’arcipelago, io l’ho trovata sensazionale. Ogni volta che la rileggo, errori a parte, mi viene la pelle d’oca!

  • arturogallia

    Ah, vabbe’, potevi dirlo subito che è Andrea.
    Sei in buone mani. 😉
    Seguirò la tua indicazione.
    A presto

  • Antonio Stavole

    Conosci il prof.?? Beh certo che sono in buone mani, me ne sono accorto al primo incontro!

  • arturogallia

    Sì, ho letto molto di lui e l’ho incontrato in un paio di occasioni (non so se si ricorda di me, ma forse sì…).
    Sì sì, sei in ottime mani. 😉

Devi essere collegato per poter inserire un commento.