Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-36 pa-02 e-06 40 corrida9 articolo2

Storielle ponzesi in pillole. (59). ’I ppalle ’i fierre

Condividi questo articolo

Raccolta e trascritta da Michele Rispoli
Il gioco delle bocce.3

Agli inizi degli anni ’50 noi ragazzini giocavamo a Sant’Antonio tra la strada, non ancora asfaltata e il piazzale, non ancora cementato.

Spesso ci fermavamo ad osservare i “grandi” mentre giocavano a bocce che venivano fornite loro, dietro una cifra modesta, da Civita Migliaccio (madre del Dr. Emanuele Vittorio).
Francesco, in modo particolare, era interessato a quel gioco che richiede concentrazione e precisione: occorre molta abilità per lanciare la boccia, il più vicino possibile al pallino.  Così decise di averle tutte per sé e chiese al padre di comprargli le “palle di ferro”, tali gli apparivano, in modo che avrebbe potuto giocare come “i grandi”.

Suo padre Fausto gli diede un centinaio di lire e gli disse: – Va’ in piazza, da Totonno Farese, e gli dici: “Ha detto così papà che tu hai le palle di ferro, ecco i soldi, perciò me le devi dare”.

Francesco si recò da Totonno Farese (il cui negozio, gestito fino a pochi anni fa dalla nuora, veneta di origine, come cartoleria e souvenir; è ora in vendita) ed eseguì alla lettera il suggerimento.

Il vecchio negoziante replicò: – Ce dice a chillu sfaccimm’ ‘e patete, ca ‘i ppalle ‘na vota erano ‘i fierre, mo’ nun so’ manco ‘i lignamme!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.