Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0040-040 h-27 i-05 dc gs v-2-20

Oltre il cuore, tra collina e mare

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
Sermoneta

 .

Nel mio cuore il gemellaggio tra Ponza e Sermoneta è cosa che esiste da sempre, e del resto ho scritto anche altre volte del ruolo e dell’importanza del delizioso centro collinare lepino nella mia vita.
Dopo Ponza è il luogo che amo di più in assoluto: lì ho vissuto nove anni , dai 6 ai 15, e lì è morto mio padre, che ha riposato per lunghi anni nell’ombroso cimitero profumato di cipressi, gigli e ciclamini, prima di essere riportato nella sua isola come desiderava.

Anche se Sermoneta non è molto distante da Latina, dove vivo, non ci vado molto spesso, ma ogni volta rivivo intatta l’emozione di quei luoghi e delle persone che vi risiedono, cui sono legatissima, perfettamente ricambiata.

A suggellare questo ideale gemellaggio, con grande gioia ritrovo in estate a Ponza il sindaco della bellissima ‘Città d’arte’ lepina, Giuseppina Giovannoli, che è solita trascorrere un periodo di vacanza sulla nostra isola.
Anche per questo voglio dedicarle un piccolo omaggio, facendo conoscere ai lettori di Ponza Racconta una delle manifestazioni più importanti di quello che nel Rinascimento è stato il Ducato dei Caetani.
Proprio di recente infatti Sermoneta ha ricordato come ogni anno la vittoria di Lepanto (1571) della flotta guidata dal duca Onorato IV Caetani, e il suo rientro festoso a Sermoneta, dalla sua famiglia e dalla sua corte.
Un avvenimento che richiama ogni volta un gran numero di turisti e visitatori: un corteo di oltre duecento figuranti sfila per le strade del paese e raggiunge il Belvedere, in località La Valle e proprio nei pressi del palazzo comunale, preceduto dagli Sbandieratori del Ducato Caetani.

Sbandieratori per le strade di Sermoneta

 

Corteo

Lì avviene l’incontro tra Onorato IV, sua moglie Agnese Colonna, i piccoli figli, la corte e tutto il popolo: un momento di grande bellezza e di rara suggestione in cui tutti i partecipanti compiono un ideale tuffo all’indietro nella Storia.
La giornata è dedicata alla Madonna della Vittoria, si festeggia la seconda domenica di ottobre, ed è preceduta la sera della vigilia da una solenne processione; sempre nel pomeriggio del sabato si celebra inoltre l’omonimo Palio tra le cinque contrade di Sermoneta: Centro storico, Portella, Castello, Valle, Torrenuova.

Il sindaco Giovagnoli in abiti da contadina

Al centro il sindaco Giuseppina Giovannoli in abito da contadina

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.