Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0023-023 l-04_0 u-30 15 pescatori-spiaggia Idraulica antica: parte dell'acquedotto

Storielle ponzesi in pillole. (57). Lezione di religione

Condividi questo articolo

di Giovanni Matrone 

Pulcino di barbagianni

.

Questa storiella – alla maniera di Michele Rispoli – la racconta Giuanne ’i Ggiulie Matrone ed assicura che è rigorosamente vera, con tanto di nomi, che però per la pubblicazione sono stati cambiati.
la Redazione

.

Ultima classe delle elementari nel dopoguerra; qualcuno ripeteva l’anno per non abbandonare definitivamente la scuola…

La maestra chiede: – Chi mi sa dire quando Dio si è fatto uomo?
Silenzio nella classe, poi timidamente Silverio alza la mano: – Io, signora maestra!
– Bene, sentiamo
– Signora maestra… Ehm… Quand’ ha mise i pile ’nfacci’u pisciott’!
La Maestra: – Cosa? Che cosa hai detto? Bestemmia! Scostumato! Vai in castigo! …Esci fuori subito che poi faremo i conti!

Silverio esce mogio mogio e tutto rosso.

Alla fine della lezione la Maestra gli va vicino ancora arrabbiata e gli chiede:
– Io vorrei sapere chi te le insegna queste cose! Dove le ha sentite dire..!?
– Signora Maestra, quella è stata mamma mia!
– Ah sì? E che cosa avrebbe detto? …sentiamo!

– Aggie sentute ie, ch’i rrecchie mee, ca mammà diceva ‘nfacci’a papà: “Salvato’, ’u uaglione sta diventanne omme..! …Sta ’mpennanne!”.

 

Nota
Nella foto di copertina, nidiaceo di barbagianni, ancora implume

Condividi questo articolo

1 commento per Storielle ponzesi in pillole. (57). Lezione di religione

  • silverio lamonica1

    7 gennaio inizi anni ’70. Scuola Elementare di Scarfisso. Dopo la pausa natalizia riprendono le lezioni e l’indimenticabile Don Gennaro entra in classe per la sua lezione settimanale di religione.
    “Bambini – comincia a dire il parroco – avete letto il calendario? Ebbene il primo gennaio, capodanno, cosa c’è scritto? (silenzio totale) … Ve lo dico io. C’è scritto: “Circoncisione di Nostro Signore”. Bambini, cos’è la circoncisione? … (silenzio tombale) ….ve lo dico io. (Si tocca il braccio sinistro con l’indice destro ed esplicita in dialetto la spiegazione per renderla più comprensibile): La circoncisione è ‘a bbona ‘ncoppo u vracce!

    N.B. per i non ponzesi “‘a bbona” vuol significare la vaccinazione anti vaiolo. Il buon sacerdote evidentemente, preferiva omettere i dettagli reali per non “scandalizzare” i bambini

Devi essere collegato per poter inserire un commento.