Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-06 u-36 e-12 s1-22 61 hp0055

Le isole del mito. (13). L’ultima Thule di Guccini

Condividi questo articolo

di Sandro Russo

Copertina del più recente lavoro di Guccini. L'ultima Thule

   .

Per “Ultima Thule”, entità geografica e mitica, leggi qui

.

Stavolta abbandoniamo il mondo fisico ed entriamo nel regno senza confini della fantasia per quello che per qualcuno è l’ultimo viaggio; per altri una rinascita, per altri ancora un ritorno.
Ora siamo davvero al limite estremo …che ‘più in là non si può’: non altre terre oltre quel punto, non più spazio né tempo.

Non poteva rimanere non cantata, ‘L’ultima Thule’. Ci ha pensato Francesco Guccini, con quello che ha annunciato come il suo più recente – ultimo (?) – lavoro discografico; l’album è uscito il 27 novembre 2012 come ventiquattresimo album del cantautore.

Così Guccini parla che suo lavoro, che ha chiamato L’ultima Thule, metafora appunto di un approdo definitivo:
“Ho pensato all’immagine della nave col navigatore da solo senza più ciurma, con le vele smesse, nel suo ultimo viaggio. Ci pensavo fin dai tempi di Radici (il suo quarto album, del 1972 (!) – NdR), che volevo intitolare proprio L’ultima Thule, e il primo verso l’ho scritto quindici anni fa. Credo di aver letto della leggenda di Thule tanti anni fa in un libro di Borges (1), e mi è rimasta dentro.
Come mi è rimasta addosso l’immagine di un quadro di Böcklin, L’isola dei morti (2), che rappresenta una zona finale tra i ghiacci, dove non c’è più vita. Nulla a che fare con la Thule dei nazisti, ovviamente”.
“L’ultima Thule”, ripresa dopo anni, forse ispirata dalla biblioteca mitica e dal bestiario di Borges, «si era arenata davanti a una fotografia del Grande Nord che non trovavo.
Poi in trattoria a Pavana, a cena con il proprietario e le mogli, ho incontrato, a locale chiuso, un fotografo, Luca Bracali, e ho visto il veliero fra i ghiacci, all’80° parallelo. Ho capito che avevo il finale del mio ultimo disco».

 


L’ultima Thule

 

Io che ho doppiato tre volte Capo Horn

e ho navigato sette volte i sette mari

e ho visto mostri ed animali rari,

l’anfesibena (3), le sirene, l’unicorno.

 

Io che tornavo fiero ad ogni porto

dopo una lotta, dopo un arrembaggio,

non son più quello e non ho più il coraggio

di veleggiare su un vascello morto.

 

Dov’è la ciurma che mi accompagnava

e assecondava ogni ribalderia?

Dov’è la forza che ci circondava?

Ora si è spenta ormai, sparita via.

 

Guardo le vele pendere afflosciate

con i cordami a penzolar nel vuoto,

che sbatton lenti contro le murate

con un moto continuo, senza scopo.

 

E vedo in aria un’insensata danza

di strani uccelli contro il cielo bigio

cantare un canto in questo mondo grigio,

un canto sordo ormai, senza speranza.

 

E qui da solo penso al mio passato,

vado a ritroso e frugo la mia vita,

una saga smarrita ed infinita

di quel che ho fatto, di quello che è stato.

 

Le verità non vere in cui credevo

scoppiavano spargendosi d’intorno,

ma altre ne avevo e giorno dopo giorno

se morivo più forte rinascevo.

 

E ora son solo e non ho più il conforto

di amici andati e sempre più mi assale

la noia a vuotar l’ultimo boccale

come un pensiero che mi si è ritorto.

 

Ma ancora farò vela e partirò

io da solo, e anche se sfinito,

la prua indirizzo verso l’infinito

che prima o poi, lo so, raggiungerò.

 

L’Ultima Thule attende al Nord estremo,

regno di ghiaccio eterno, senza vita,

e lassù questa mia sarà finita

nel freddo dove tutti finiremo.

 

L’Ultima Thule attende e dentro il fiordo

si spegnerà per sempre ogni passione,

si perderà in un’ultima canzone

di me e della mia nave anche il ricordo…

 

di me e della mia nave anche il ricordo

 

Note

1. – Jorge Luis Borges /

Borges J.L. Il libro degli esseri immagiinari
Un lettore

Gli altri si van­tino per le pagine che hanno scritte;

io vado orgo­glioso per quelle che ho lette.

Non sarò stato un filologo,

non avrò inve­sti­gato le decli­na­zioni, i modi, il labo­rioso mutare delle lettere,

la d che indu­ri­sce in t,

l’equivalenza della g e della k,

ma nel corso degli anni ho professato

la pas­sione della lingua.

Le mie notti son piene di Virgilio;

aver saputo e scor­dato il latino

è pos­se­derlo, per­ché anche l’oblio

è una forma della memo­ria, la sua vaga cava,

l’altra fac­cia segreta della moneta.

Quando si can­cel­la­rono ai miei occhi

le vane appa­renze che amavo,

i volti e la pagina,

mi detti allo stu­dio del lin­guag­gio di ferro

che usa­rono i miei anti­chi per cantare

spade e solitudini,

e ora, attra­ver­sando sette secoli,

dall’Ultima Thule,

la tua voce mi giunge, Snorri Sturluson (4).

Dinanzi al libro, il gio­vane s’impone una disci­plina precisa

e lo fa in vista di un pre­ciso conoscere;

ai miei anni ogni impresa è un’avventura

il cui con­fine è la notte.

Non finirò di deci­frare le anti­che lin­gue del Nord,

non tuf­ferò le mani ansiose nell’oro di Sigurd (5);

il com­pito cui attendo è illimitato

e dovrà accom­pa­gnarmi fino alla fine,

non meno miste­rioso dell’universo

e di me, l’apprendista.

[Da: Jorge Luis Bor­ges, “Elo­gio dell’ombra”, Einaudi 2006]

 

2. Arnold Bocklin. L’isola dei morti: leggi qui sul sito

Bocklin.-LIsola-dei-Morti.-IV

 

3.  Anfesibena o Anfisbena è un mitico serpente dotato di due teste, una ad ogni estremità del corpo, e di occhi che brillano come lampade. Secondo il mito greco, Anfisbena fu generata dal sangue gocciolato dalla testa della gorgone Medusa quando Perseo volò, stringendola in pugno, sopra il deserto libico (da Wikipedia)

 

4.  Snorri Sturluson (1178 – 1241), è stato uno storico, poeta e politico islandese

 

5. “La leggenda di Sigurd e Gudrùn” è un poema narrativo composto dallo scrittore britannico John Ronald Reuel Tolkien, pubblicato postumo (nel 2009).

.

[Le isole del mito. (13) – Fine]

Per gli altri articoli di questa serie digita – Le isole del mito – nella finestra CERCA NEL SITO, sul Frontespizio

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.