Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_14-18-30 q-17 v5-4a classe-1-avviamento-1960 66 Immagini storiche di Ponza

Gli artigiani degli eventi

Condividi questo articolo

di Rita Bosso

Locandina Evento Confino

.

Molto ha fatto Paolo Iannuccelli per promuovere l’evento “Lettere dal confino” sulle testate giornalistiche diffuse sul territorio, senza che la redazione di Ponza racconta e gli organizzatori lo sollecitassero; lo ringrazio a nome di tutta la squadra, consapevole di quanto sia difficile ottenere una sola riga di menzione se non si è nella condizione di “ben rendere”.
Ancor più lo ringrazio come lettrice perché, rara avis, ha espresso un giudizio sull’evento dopo averne seguito l’intero svolgimento di ben tre ore, quindi scrivendone con cognizione di causa.
Non è nello stile di Ponza racconta emettere comunicati autocelebrativi ma, a conclusione di ciascuno dei nostri eventi, cerchiamo di riflettere, di individuare punti di forza e criticità: ne abbiamo bisogno per crescere, ciascuno di noi non è capace di allestire neanche una festicciola di compleanno ma, messi insieme, siamo sempre riusciti a richiamare un pubblico numeroso, interessato ed attento.

Punto di forza è lo strano processo alchemico che si innesca solo a Ponza, grazie al quale riusciamo a tirar fuori qualcosa di buono combinando elementi notoriamente difficili: pigrizia, vis polemica, distanze, protagonismo, rivalità, mancanza di fondi… Sabato sera, a leggere le lettere, c’erano Polina, Beniamino, Francesco: repertori, percorsi formativi, esperienze diverse ma, probabilmente, sinergici per un salto di qualità, per la nascita di un teatro autenticamente ponzese.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Certo, potremmo fare di più, potremmo fare meglio.
Dovremmo cercare di essere più convincenti con il mondo della scuola, in modo da avvicinare maggiormente i giovani.
Dovremmo mettere a punto un apparato didascalico: ciascuno dei nostri eventi è il momento finale di una ricerca sul territorio, le cui fasi vengono puntualmente pubblicizzate sul  sito; però non tutti i lettori partecipano all’evento e non tutti i partecipanti leggono Ponza racconta dunque, per rendere l’intera ricerca fruibile, dovremmo allestire cartelloni, stampare opuscoli, insomma spendere un po’ di soldi. Che non abbiamo.
Dovremmo stimolare nei nostri lettori le critiche e i suggerimenti, indispensabili per crescere e per non chiudersi in una sterile autoreferenzialità.

Dove non abbiamo sbagliato è stato nel concludere la serata con una cena deliziosa come quella di sabato, splendidamente preparata da Assunta, a cui vanno i migliori auguri per l’importante riconoscimento che Slow Food le assegna.

Gli artigiani di una volta

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Condividi questo articolo

1 commento per Gli artigiani degli eventi

  • Enzo Di Fazio

    Da qualche parte, giorni fa, ho letto che per le strade di Lisbona, per offrire ai turisti cose diverse dai soliti souvenir, si aggira un pulmino-libreria che propone libri di autori portoghesi (tra cui Pessoa e Saramago) tradotti nelle varie lingue in modo da permettere ai visitatori di scoprire il paese attraverso gli occhi dei suoi scrittori. L’iniziativa sta avendo un enorme successo.
    Pensavo che un pulmino siffatto potrebbe essere utilizzato anche a Ponza (basterebbe un’Ape attrezzata ad hoc) per proporre e documentare, oltre che libri di autori ponzesi, itinerari ed eventi culturali.
    Può essere un’idea per la prossima estate che lancio all’Amministrazione comunale e a ponzaracconta auspicando una reciproca fruttuosa collaborazione.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.