- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Le piante dell’Erbario. (11 ). ’I pummadurelle

a cura di Sandro Russo in collaborazione con Linda Mastropietro e Simone Casalino

1. Solanum dulcamara [1]

.

Per gli articoli precedenti di questa serie digitare  – Erbario –  nel riquadro CERCA NEL SITO sul frontespizio
.

Quasi finita l’estate, è tempo di ripresa delle scuole.
Riprendiamo anche le fila dell’Erbario cui abbiamo cominciato a lavorare nello scorso anno scolastico per annettervi nuove piante e/o diverse fasi vegetative di piante già considerate.
Invitiamo i ragazzi delle scuole ad esternare all’indirizzo del sito le loro curiosità e scoperte.
Confidiamo molto nella capacità del mondo delle piante – le piante di Ponza in particolare, con il suo ricchissimo catalogo della flora mediterranea – di stimolare interesse ed entusiasmo, una volta fatto il piccolo passo iniziale di cominciare a guardarle/vederle…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA [2] 

Come abbiamo cominciato a fare da un po’ di tempo a questa parte, per le finalità schematiche e conoscitive da applicare all’Erbario e per nostra chiarezza, partiamo da una o più piante di una certa Famiglia e da qui prendiamo spunto per parlare di tutte le altre.

Buon gioco abbiamo stavolta con le Solanaceae, famiglia botanica molto vasta e comprendente piante così diverse che mai si potrebbero ritenere, a colpo d’occhio, ‘imparentate’ tra loro.

Appartengono infatti a questa grande famiglia circa 1.400 specie di piante erbacee, arbustive o arboree, annuali o perenni, piccoli alberi o cespugli pungenti, erbe selvatiche, esemplari infestanti, piante apprezzate per i fiori oppure per le bacche, numerose specie dal frutto commestibile e altrettante da cui stare bene alla larga o comunque da maneggiare con attenzione perché ‘medicamentose’ o decisamente ‘velenose’.

Delle solanacee spontanee presenti sull’isola come erbe selvatiche (o ‘erve pazze’) sono’i pummadurelle, per la somiglianza, in miniatura, con i più diffusi pomodori (Solanum lycopersicum; letteralmente ‘pesca dei lupi’).

Comuni negli incolti sono Solanum dulcamara a e Solanum nigrum:

3. Solanum dulcamara.Fiori [3]

Solanum dulcamara fiori

OLYMPUS DIGITAL CAMERA [4]

5. Solanum nigrum. Frutti [5]

Solanum nigrum. Fiori e frutti

Vediamo quanto sono simili i fiori delle piante selvatiche mostrate sopra a quelli delle piante coltivate della stessa famiglia. E parliamo di piante tra quelle che conosciamo meglio: pomodori, patate, melanzane peperoni…

6. Fiori di pomodoro [6]

Fiore del pomodoro (Solanun lycopersicum)

7. Fiori della patata [7]

Fiore della patata (Solanum tuberosum)

[8]

Fiore della melanzana (Solanum melongena)

fiore-di-peperone [9]

Fiore di peperone [10]

Peperoncino fiore [11]

Fiori di peperone (le due immagini superiori) e di peperoncino (quella inferiore) – Capsicum annuum – numerose specie e varietà

Abbiamo presentato finora tutti fiori simili, seppur con piccole differenze di forma e colore, ma abbiamo detto sopra che le Solanacee sono caratterizzate da grande varietà (dimensioni, portamento, fiori, frutti…)

Ed è qui che serviva il genio di Linneo, perché tutti sono capaci a classificare come appartenenti alla stessa famiglia piante con fiori simili, ma andiamo un po’ più sul difficile…

Physalis alkekengi Fiore [12]

Ancora qui il fiore – di Physalis alchechengi, un’altra Solanacea – somiglia agli altri

Physalis alkekengi. Palloncini [13]

L’alchechengi, erbacea annuale – infestante per mezzo di polloni a propagazione sotterranea – si chiama anche “pianta dei palloncini”

Physalis alchechengi. Capsula e frutto [14]

Una volta che si è dissolta la membrana arancione, guardiamo il piccolo frutto che c’è all’interno e notiamo quanto somiglia ad un pomodorino (anche come struttura interna, una volta che si è sezionato) – Cliccare per ingrandire

Solanum  rantonnetii [15]

Solanum rantonnetii sempre più frequentemente vista come pianta arbustiva ornamentale per il bel colore blu dei fiori

***

Ma che somiglianza possiamo più trovare con le piante delle immagini che seguono, tutte rigorosamente Solanacee, per appartenenza di Famiglia?

Cestrum_Nocturnum.Gen [16]

Cestrum nocturnum.. Part [17]

Cestrum nocturnum, detto anche gelsomino notturno o gelsomino greco, una delle piante più profumate che si possano avere in giardino (aspetto generale e particolare dei fiori). Ma non è un gelsomino, perché il genere Jasminum appartiene alla famiglia delle Oleaceae

Datura stramonium. Fiore [18]

Datura stramonium. Fiore e bacca spinosa [19]

Datura_stramonium. Capsula spinosa con semi [20]

Datura stramonium: pianta selvatica, infestante, tossica. Il fiore bianco e profumato e (sotto) anche la bacca spinosa che contiene i semi

Datura fiori rosa [21]

Datura. Fiori gialli [22]

Datura (Datura spp.) Numerose varietà, per dimensioni e colore del fiore. Ornamentale; anch’essa tossica

*

Per saperne di più, di queste solanacee – comunissime e sconosciute -, dovremo approfondirne meglio la storia ed altri aspetti, botanici e antropologici…
Appuntamento alla prossima puntata.

 

[Le piante dell’Erbario (11)_ Le solanacee (1) – Continua]