Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0051-051 u-37 k2-35 10 25 Idraulica antica: parte dell'acquedotto

Tra viarelle e parracine

Condividi questo articolo

di Nino Picicco

Mare. Cuscini di euforbie

.

Ci scrive Luisa Guarino, che segue il “Premio Caletta” fin dai suoi inizi, di averlo trovato quest’anno un po’ diverso, “con meno vip e un po’ d’attenzione a temi culturali e ‘sociali’”.
La partecipazione alla manifestazione di due artisti ponzesi, Nino Picicco e Franco De Luca, va certo in questo senso…

Pubblichiamo qui di seguito – video da YouTube e testo – la canzone elaborata dallo stesso Nino a partire da una poesia molto evocativa di Lino Catello Pagano pubblicata qualche tempo fa su questo sito (leggi qui). Atmosfera che il pezzo di Nino Picicco mantiene appieno, anche in virtù della musica e delle immagini scelte per illustrarla…
la Redazione

 



Tra viarelle e parracine
.

Tra viarelle e parracine

Rusada fresca e sole ’i matina

’sti lacerte freddegliose

Stese ’u sole a se scarfa’

Saglie… saglie e po’ risaglie

Ciuccio mio t’avuote e raglie

Saglie… saglie e po’ cammina

Ll’aria lava ’a faccia ’a matina

 

Che silenzio tutt’attuorno

Sponta l’alba e mò fa iuorno

Ind’all’ereva addurosa

Pure ’u cane vo’ zumpà

Guarda… ’u cielo comm’ è rosa

Pare ca è ’na veste ’i sposa

Mmiezzo a chiste ’uastaccette

’Stu spettaculo ’nt’ aspiette

 

Vola ’a quaglia e ’a cutrussella

’U marvizzo e ’a runnenella

Scenne ’i scale e po’ cammina

Ammiezze a chesti parracine

Preparammece ’a fatica

Ca facimmo ogni matina

Zappa, pota e sceppeneie

Mena ’u zzurfo e attacca i vvite

Mena ’u zzurfo e attacca i vvite

 

Si tu cirche ’a via d’u vino

Ca te porta abbasci’u Fieno

Lebberato e Luigi ’u Niro

Già t’ammosteno ’u cammino

’U Schafferr fucile in spalla

’Nfaccia ’a cosce appenne ’i quaglie

C’ha sparato stammatina

E po’ ’i ddevache ind’a cuscina

 

Miette ’a tavula cu’ ’i scanne

…i bicchiere… ’u butteglione

’u viccà Boffacazone

Ce apprepara cose bbone

Pummatore… rafanielle

C’i spugnammo doie freselle

Ove… pisce… e doie galline

C’i magnammo ’nt’a cantina

a chest’ora d’a matina

 

Tanto ’u stommaco nn’u ssape

C’amma fa c’u latte ’i crape

Nuie vulimmo ’u prevelone

Ca ce ’mpasta ’a vocca  bbona

E accussì tutt ’i mmatine

Ce ’a sciacquammo cu ’stu vino

E si passe llà vicino

Truove già ’u bicchiere chino

 

’Nzieme a nuie ce sta Zi’ Aniello

Sta armeggianno cu’ ’na cimma

’a stellonga… ’a ’uarda… ’a ’ntrezza

’a rravoglia… ’a vota… ’a ggira

’Mpogna ’u pede forte e tira

Tuculeia… ’ncapezza e dice:

ciuccie  mio c’u cazz’ ’a spiezze

po’ se fa ’nu surso ’i vino

 

…E acussì passa ’a iurnata

Primma avimmo faticato

Tiene mmano ’u fiasco ’i vino

Ià… brindamme cu’ Giustino

Cala… aizza, ammieste… Accosta

Sempe c’a salute:  …A’ vosta !

’Sti varrele leva ’a sotto

Hanno svacantato ’a votta

Hanno svacantato ’a votta

 

Saglie chiane ’a scalinata

Chi sta stanco e chi ha zappato

Chi ha passato p’u scappuccio

Miette a varda ’ncopp’u ciuccio

’Ncielo ’a’rpaia sta pardianno

Sta sicuro che fa danno

Venarrà ’na sciuruccata

Maletiempo assicurato

 

Bah… gudimmece ’u lustrore

Ca se vede a Parmarola

’sti viarelle e parracine

Nuie ’i cercammo ogni matina

’Na resata… ’na pazziella

’nu sfottò… ’na canzuncella

E accussì ca passa ’a vita

Si t’avuote… è già finita

Si t’avuote… è già finita.

Punta Fieno. Cane

Condividi questo articolo

3 commenti per Tra viarelle e parracine

  • Lino Pagano

    Sono belle queste sorprese, a pensare che non la volevo pubblicare, niente cosa dirvi, siete speciali e degli amici con la A maiuscola, ringraziarvi è poco, farvi un monumento non sembra il caso. Un giorno farete la via dei poeti di Ponza metterete una targa sotto casa di mia sorella a memoria di chi lì ha vissuto… Scherzo vi porto nel cuore tutti e vi ricordo con affetto, fatene ancora di cose così, fanno bene al cuore.
    GRAZIE a NINO e a Franco.
    Grazie ancora. Lino

  • a priezza

    Volevamo fare un plauso a Lino per la canzone… finalmente un testo in ponzese con parole, immagini e sfumature proprie del nostro dialetto…
    pA volte si leggono cose scopiazzate dal napoletano, “italianizzate” o, peggio ancora, termini inesistenti che fanno piacere solo agli autori che le coniano… a Nino un ringraziamento per la musica e l’arrangiamento e la passione che ci mette… grazie Lino e Nino!

  • Gennaro Di Fazio

    Complimenti a tutti gli autori che hanno prodotto i versi, le musiche, le immagini e le voci. Credo che da questa cultura debba partire la comunità ponzese intorno alla quale organizzare le economie e la vivibilità isolana e non, come ho l’impressione che invece stia accadendo, tutto intorno ad una economia stagionale con conseguente abbandono dei veri tesori che l’isola possiede, in parte recitati e visualizzati in questa bella canzone.
    Gennaro Di Fazio

Devi essere collegato per poter inserire un commento.