Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0025-025 0029-029 h-27 k1-15a wp 79

Storielle ponzesi in pillole. (44). Verucciello e il Capitano

Condividi questo articolo

di Michele Rispoli

La grande e la piccola .

Per gli altri episodi di questa serie, digita – Storielle ponzesi – nel riquadro CERCA NEL SITO, in Frontespizio
.

Verucciello alias Silverio Avellino, pescatore di Le Forna, scomparso giovanissimo.
All’epoca della pesca del pesce spada con le reti derivanti, il pomeriggio, quando andavo in campagna per la pota verde alla vite, portavo la radio WHF, la sintonizzavo sul canale dei pescatori ponzesi e ascoltavo tutto il loro chiacchiericcio e sfottò.

Verucciello, finito di calare le reti, era fermo all’estremità, in attesa di recuperarle.
Vista una nave da carico con rotta proprio verso le reti disse: – E mo chist’ addo’ se va a mena’!?
Subito trasmise: – Capitano, a ovest di Palmarola rotta nord ovest, per cortesia allargatevi di cinque gradi, state andando sulle reti.
Dalla nave nessuna risposta e nessun cambiamento di rotta.
Verucciello ripete’ l’annuncio, senza esito.
Pensò: forse è straniero e non capisce.
Allora ci riprovò in francese: – Monsieur le capitain, ecc…
Niente!
Sarà inglese… Chiamò Beniamino: – Beniami’ dice a chist’ ca s’allargasse…
Beniamino, che era tornato dall’America, rifece l’annuncio…
La nave era muta e navigava diritta verso le reti.
Verucciello: – Beniami’ ma che c… è ditt’!? …Fai parlare a tuo figlio che è stato a scuola in America!
Il figlio ripete’ l’annuncio in inglese perfetto.
Niente, la nave manteneva sempre la stessa rotta.
Quando la nave giunse a pochi metri dalle reti Verucciello disse ad alta voce: – Spero a Dio che appena la prua tocca le reti, devi perdere le eliche!
Finalmente una voce dalla nave: – Paisa’, questo non lo dovevi dire!
– Ma è mezz’ora che vi sto chiamando per dirvi della presenza delle reti…
– Paisa’, capisco perfettamente – rispose il Capitano della nave – io vengo dalla Calabria e se voglio evitare tutte le reti che ho incontrato e che incontrerò, a Genova ci arrivo l’anno prossimo..!

La risposta mi ha fatto capire che la chiusura della pesca al pesce spada con le reti non è per salvare le tartarughe, i delfini o i cetacei, ma solo per salvare gli armatori della navigazione marittima.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.