Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-24 foto-04 k2-19 v2-11 68a 77

Prove di fine estate

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca (Franco)

Ponza notte

.

Nella sera sul Corso Pisacane le ombre riprendono vigore.

Fino a qualche giorno fa le luci del porto insieme a quelle dei negozi davano pieno chiarore al Corso ed ora quello sfolgorìo è attenuato, offrendo alle ombre l’agio di spandersi. Cosicché gli spazi vuoti, ora, si rendono evidenti.
Perché anche i vuoti cominciano ad allargarsi. Anzitutto sul muretto che cinge tutto il Corso. Fino a qualche giorno fa tenuto d’assedio dai giovani, specie in alcuni tratti prospicienti ai locali prescelti, oggi permette che ci si possa affacciare sulla banchina.

Il passeggio non caotico rende gradevole la vista dell’arco del porto, suggestivo nel suo porsi: il Faro, la sagoma della nave, la contrada di Santa Maria che conchiude.

Nel passeggiare talora distrae la figura mozzafiato di una ragazza, il bisticcio fra due cani al guinzaglio, il costo esorbitante di una camicia in vetrina, il tramestìo dei pescatori sulla “cianciola”, in procinto di uscire a pesca di alici.

La luna, ambrata, fa pendant con le luci della strada, da un café un piano-bar  canta soffuso “vamos a la playa”, e la mente si libera, mettendo in un cantuccio lo spread altalenante in sintonia con un “pagliaccio” che gioca con le sorti di un popolo, e l’annuncio di un autunno minaccioso.

Fresca la sera, piacevole il passeggio, lontane le preoccupazioni, in questa sera sul Corso a Ponza.

Ponza. Porto

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.